La Sardegna apre gli occhi ai Cinque Stelle. Per la stampa Palazzo Chigi è traballante ma non è vero affatto

di Gaetano Pedullà

Notizie dal Medioevo: alle 19 di ieri, cioè 12 ore dopo l’apertura delle urne, non sapevamo ancora il dato finale sulle elezioni in Sardegna. Ecco, basterebbe questo per fotografare il Paese che siamo, tanto affezionato alla matita copiativa quanto allergico al progresso. Perciò non possiamo stupirci se una forza politica con progetti dirompenti e l’esperienza di soli nove mesi di governo paghi un prezzo per tutto questo.

Dal braccio di ferro con l’Europa per ottenere un po’ di risorse in più nella Manovra, alle riforme del Reddito di cittadinanza e Quota cento, sino al taglio dei costi della politica, Cinque Stelle e Lega si sono guadagnati le affettuosità del vecchio sistema, dalla stampa al mondo delle grandi imprese. Ne è venuto fuori per mesi un racconto distorto dell’intera attività del Governo, al quale va detto che hanno contribuito alcuni parlamentari 5S in disaccordo con la linea del Movimento, qualche polemica di troppo tra i leader gialloverdi e più di un passaggio non chiarito a sufficienza nel contratto che sostiene il premier Conte.

Il risultato è un bilancio elettorale non soddisfacente anche in Sardegna, dove non è affatto vero che si è scavata la tomba per i Cinque Stelle e men che meno per l’Esecutivo. Il sistema elettorale delle amministrative penalizza chi corre da solo contro le coalizioni, e in questo senso il voto alla Lega è stato sentito da molti come un voto utile, tant’è vero che Salvini può festeggiare la sesta vittoria di fila su sei giunte strappate alla Sinistra.

Ovviamente questo risultato arriva grazie alla finzione di un Centrodestra unito quando unito non è, tanto in Parlamento quanto sui territori. Prova ne è non solo l’incapacità di nominare gli assessori in Abruzzo, ma anche le fibrillazioni nella squadra di Musumeci in Sicilia, dopo poco più di un anno già traballante. Il sistema elettorale delle Regioni non è quindi un modello riproducibile a livello nazionale, così come è illogico paragonare i risultati di elezioni politiche con quelle amministrative. Detto questo, Salvini senza i 5S non può governare e la Sinistra è distante anni luce. Un buon governo passa perciò dalla prosecuzione del contratto, ma anche da nuove regole e un chiarimento nei pentastellati.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade?

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade? È caduto il ponte di Genova, c’è stata la strage di Acqualonga (40 morti ad Avellino), cavalcavia crollati, manutenzioni approssimative e carreggiate non riasfaltate… chilometri di motivi per dire basta a quello che è uno scandalo al sole, tanto invisibile…

Continua

Tassi fermi. La nuova Europa parte male

Dialogare con l’Unione europea “perché senza di questa non c’è futuro”. Facile a dirsi per il Presidente Sergio Mattarella, che ieri si è espresso così alla tradizionale cerimonia del ventaglio, ma se non era per la trattativa del premier Giuseppe Conte e il voto “sulla fiducia” dato dai Cinque Stelle alla presidente della Commissione Ue,…

Continua

Amore con amor si paga. A Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio

Il massimo risultato col minimo sforzo. A Matteo Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio, tipo avere 49 milioni di debiti e non sentirli, oppure essere chiamato da un tribunale a rispondere del caso Diciotti e non andare perché i Cinque Stelle gli tolgono il disturbo, votandogli l’immunità. Il numero di ieri…

Continua

Cinque stelle e Pd, un’operazione Frankenstein

È da anni sul podio dei giornalisti che stimo, ma sull’avvicinamento tra Cinque Stelle e Pd sono in totale disaccordo con Marco Travaglio. L’ultimo dei motivi è proprio quello che il direttore del Fatto porta come prova della sua “giusta” intuizione: la giravolta dei giornaloni dell’establishment, improvvisamente folgorati sull’utilità di un dialogo tra Di Maio…

Continua

L’utopia dei Cinque Stelle al governo con il Pd

Può darsi che Di Maio e Salvini oggi si incontrino e mandino avanti il Governo, oppure no. Può anche darsi che dallo scandalo Siri, o dal Russia-gate, escano fuori le prove provate dei soliti vizi di affaristi e politici, oppure tutti i personaggi coinvolti risultino immacolati come gigli di campo. Allo stesso modo, può essere…

Continua

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua