La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

di Gaetano Pedullà

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la corda più del dovuto, e tanto scalciare ha messo in moto ex forzisti, apolidi del Gruppo misto e anche qualche renziano per adesso silente, costruendo un’alternativa alla presenza di Italia viva nella maggioranza. Stasera l’ex rottamatore potrebbe trarne le conseguenze, e a Porta a Porta – dove se no? – andare a Canossa o annunciare l’uscita dal Governo.

In questo secondo caso la navigazione alla Camera e soprattutto al Senato sarà difficoltosa, ma sempre meno impervia di quanto non lo sia tenendo a bordo chi finora non ha fatto altro che sabotare la nave. A trarne beneficio sarà anche la stabilità economica del Paese, visto che dietro il paravento del ripristino della prescrizione c’è sempre stata la guerra a Conte, per l’inconfessabile motivo di contare di più nelle prossime nomine pubbliche e lì consumare la più feroce delle vendette. I vertici in scadenza di Eni, Enel, Poste, Leonardo, Terna e tanta altra roba ancora, sono stati tutti indicati da Renzi direttamente o per interposta persona nel successivo Esecutivo Gentiloni.

Alcuni di questi manager hanno lavorato con successo. E in una logica di servizio del Paese hanno mostrato lealtà all’azionista ministero del Tesoro e a Palazzo Chigi, indipendentemente dal cambio di scenario politico prima con i gialloverdi e adesso i giallorossi. Per questo, chi più chi meno, questi capi azienda si sono dovuti de-renzizzare, facendo sì che il dominus assoluto del loro ruolo se la sia legata al dito e adesso voglia restituire la cortesia. Delle nomine e di cosa c’è dietro scriveremo nei prossimi giorni, ma qui possiamo anticipare che un Governo del Cambiamento non può assolutamente tollerare le porcherie del passato, come la presidenza di Leonardo regalata (pare per forte intercessione di Giorgio Napolitano) al capo della polizia ai tempi delle torture nella scuola Diaz di Genova, Gianni De Gennaro, o la designazione di pluri-indagati come gli attuali Ad di Eni e Leonardo, Claudio Descalzi e Alessandro Profumo.

Di manager capaci, degni di incarichi tanto importanti per i loro meriti e non per le ingombranti lobby che li sostengono ce ne sono tanti, giovani e preparati, con curriculum molto più adatti a realizzare un maggiore cambiamento in termini di sostenibilità, rispetto dell’ambiente e inclusione. Chi ha lavorato bene e sta portando avanti piani ambiziosi, che hanno bisogno di più anni per realizzarsi, deve poter continuare, anche se a Renzi questi signori scelti da lui adesso non stanno più bene, e magari finge pure di volerli difendere dispensando apprezzamenti che equivalgono a micidiali baci della morte.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua