L’umanità non si butta a mare. I diritti umanitari non sono un costo ma anche un dovere

di Gaetano Pedullà

Quando si parla di crescita del Paese il pensiero corre subito all’economia, e ancor di più in questi giorni in cui si sta definendo la Manovra finanziaria, alle tasse (che quest’anno sono molte meno rispetto ai tagli fiscali) e al lavoro. Tutto giusto, ma crescita è anche superare l’ipocrisia con cui da tre anni nascondiamo la polvere sotto al tappeto per frenare l’invasione dei migranti. Il problema era di dimensioni spaventose fino al 2017, quando si produssero gli effetti degli accordi con la Libia sottoscritti per l’Italia dall’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti.

Proprio grazie a questo memorandum gli arrivi sono scesi da 107.212 del ‘17 a 2.772 fino ad ora in quest’anno. Questo risultato, di cui si vanta molto Matteo Salvini, ha però un prezzo: noi finanziamo con soldi pubblici la Guardia costiera libica che fa da tappo, mentre chi resta a terra viene trattenuto dai feroci capi tribù (qualcuno li ha definiti sindaci, ma l’accostamento con la nostra idea di primi cittadini è del tutto fuorviante).

Centinaia di migliaia di persone finiscono così in drammatici lager, da dove la prospettiva di naufragare e morire in mare è una liberazione rispetto alle sevizie che subiscono nelle celle, e da dove è difficile uscire vivi se non c’è qualcuno che paga un riscatto. Preoccupati dalle dimensioni del fenomeno migratorio, abbiamo perciò chiuso non un occhio, ma tutti e due, e fatto finta che centinaia di morti in queste prigioni non siano colpa nostra. Domani però scade l’accordo e il Governo deve decidere se rinnovarlo o meno. Per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio non ci sarà nessun cedimento sulla limitazione che il Governo Conte1 ha perseguito sugli sbarchi, ma ha promesso modifiche alle intese di Minniti.

Cosa fare però non è semplice, perché se si rinuncia ai lager, i migranti tornano a partire a fiumi. Un’alternativa possibile però c’è, ed è quella di fare gestire i campi di accoglienza a Nazioni Unite e Ue. I soldi per farlo in parte ci sono, destinando i miliardi stanziati per la cooperazione, e altri se ne possono trovare nei bilanci di Europa e Onu, se solo crescerà la consapevolezza che i diritti umanitari non sono un costo ma anche un dovere è un’opportunità per un Occidente più lungimirante che generoso.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto determinante per consentire al Governo di far ripartire il Paese

Quello del silenzio elettorale è il giorno in cui pensare che Paese siamo e dove vogliamo andare. Al di là degli aspetti locali e delle rassicurazioni che arrivano da Palazzo Chigi e dintorni, il voto in Emilia Romagna e Calabria avrà ripercussioni sull’Esecutivo e potenzialmente sulla fine della legislatura e sul ritorno al Governo del…

Continua

È Vespa il padrone della Rai

Se ne doveva andare Bruno Vespa e invece se n’è andato Luigi Di Maio. Basta questo per spiegare – meglio di tante raffinate analisi politiche – la parabola dei Cinque Stelle. La forza che aveva promesso un profondo cambiamento nel Paese ha tollerato che restasse intatto l’emblema più visibile, quasi sacro, della conservazione del vecchio…

Continua

Aspettate a seppellire Luigi

Chi ha tirato fuori lo Champagne per festeggiare la caduta di Luigi Di Maio aspetti a stappare. In un Paese dove le carriere politiche durano decenni, un leader di appena 33 anni, con capacità e un non indifferente seguito personale può rallentare a una curva, ma chissà poi quanta altra strada può fare. Luigi (come…

Continua

All’Ilva si è sventata una rapina

Strike sulle bugie dell’Ilva. Nelle memorie dei commissari straordinari depositate ieri al tribunale di Milano c’è finalmente la verità su mesi di battaglie per lo scudo penale. La decisione di togliere questa sorta di privilegio feudale (presa dal Governo Conte 1 su pressione del Movimento Cinque Stelle) fu usata dal colosso dell’acciaio ArcelorMittal per provare…

Continua

Silvio Pellico si rivolta nella tomba

Visto che Carnevale arriva dopo le prossime regionali, per fare in tempo a mascherarsi da Silvio Pellico e rendere credibile il travestimento annunciando il rischio di finire in prigione, a Matteo Salvini non restava che spararsi sui piedi. La maggioranza, altrettanto in vena di scherzi, gli ha giocato un brutto tiro non presentandosi in Giunta…

Continua

L’arbitro che diventa goleador

Ci mancava l’arbitro che si finge super partes e poi fa gol nella porta avversaria. Il voto decisivo della presidente del Senato Casellati sulla vicenda Gregoretti segna un altro cedimento delle nostre istituzioni alle logiche politiche di parte, in un contesto in cui persino la Corte costituzionale è attaccata violentemente da Salvini per aver bocciato…

Continua

Che errore le urne su misura

Se non l’avessimo letto con i nostri occhi non potremmo crederci: la bocciatura del referendum sulla legge elettorale proposto dalla Lega “è un furto di democrazia” da parte di “Pd e Cinque Stelle che sono e restano attaccati alle poltrone”. Parole di Matteo Salvini, lo stesso che vuole buttare 300 milioni di soldi pubblici per…

Continua

Chi sta lacerando il Paese

Fino al momento in cui scrivo questo fondo non è scoppiata alcuna bomba nella sede di Repubblica, ma l’allarme che ieri sera ha costretto giornalisti e personale ad evacuare di corsa l’edificio è solo l’ultimo segnale di un’insopportabile stagione di intolleranza. In tanti hanno commentato che quel giornale se l’è cercata, perché sempre ieri titolava…

Continua

I sovranisti travolti dal treno giusto dell’Europa

Tolti i soliti arnesi della propaganda elettorale, una delle poche contestazioni mosse seriamente ai Cinque Stelle è quella di essersi presentati come forza politica anti-europea, mentre oggi sostengono un Governo europeista col Pd. Detta così, il Movimento avrebbe fregato i suoi sostenitori e pertanto merita di essere ricambiato con la stessa moneta, magari dirottando i…

Continua

Gasparri arbitro cornuto

Chi può reciti un Pateravegloria per Maurizio Gasparri. Il presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato ieri mattina si sentiva così sicuro di poter aiutare Matteo Salvini sulla vicenda Gregoretti da promettere di fare l’arbitro in Commissione. Ora si sa che per definizione l’arbitro è cornuto, e infatti poche ore più tardi…

Continua