Nuove gare per le autostrade. Solo così si guarda lontano. Oggi i privati sono troppo favoriti

di Gaetano Pedullà

La nuova tragedia sfiorata sull’autostrada Torino-Savona incrocia due problemi diversi e però profondamente intrecciati tra loro. Il primo è la fragilità del nostro territorio, per cui servono moltissimi interventi di prevenzione del rischio idrogeologico. Per realizzarli tutti non bastano diverse decine di miliardi, ma il piano Proteggi Italia presentato dal premier Giuseppe Conte a marzo scorso ha già stanziato 11 miliardi in tre anni, e se si cominciassero a spendere potremmo risparmiarci la solita sequenza di disastri. Il problema sta dunque nella lentezza dei lavori, nella burocrazia e negli infiniti contenziosi sugli appalti.

Il secondo problema riguarda invece la manutenzione di strade e autostrade, con particolare riguardo a quest’ultime perché estese su zone impervie e quindi più pericolose. Tale lavoro di controllo e consolidamento è in gran parte delegato dallo Stato ai concessionari, i cosiddetti signori del casello, che però non hanno fatto questo lavoro sempre a regola d’arte, come purtroppo abbiamo visto col crollo del ponte Morandi a Genova. E dire che la manutenzione di un bene pubblico come le autostrade, costruite – ricordiamolo – con i soldi degli italiani, è uno degli elementi qualificanti delle concessioni pubbliche e pertanto sufficiente a giustificare la revoca delle concessioni stesse. Di questo dovevano essere certi gli allora vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini quando a ferragosto del 2018 promisero giustizia ai familiari delle 43 vittime del viadotto Polcevera.

Dal giorno dopo però la Lega cominciò a frenare sullo stop ad Autostrade per l’Italia, società controllata dalla famiglia Benetton, mentre il ministero dei Trasporti retto all’epoca da Danilo Toninelli (nella foto) avviò un complesso iter legale per liberare lo Stato da un contratto capestro, visibilmente scritto su misura per chi prendeva il bene pubblico in concessione e non per chi lo affidava. Attraverso l’adeguamento delle tariffe, cioè i pedaggi imposti agli automobilisti, chi gestisce le autostrade ha infatti un rendimento garantito almeno del 7% sui capitali investiti, a cui può aggiungere altri guadagni affidando parte delle manutenzioni (fino al 40%, ma ci sono ipotesi che si sia fatto ben di più) a società infragruppo degli stessi concessionari. Tizio che gestisce un’autostrada, insomma, fa fare le manutenzioni a un’altra sua società e poi controlla che il prezzo sua giusto e i lavori siano stati ben fatti. Difficile dunque che tali manutenzioni si facciano bene e al prezzo migliore, no?

M5S CONTRO TUTTI. Di qui l’ostinazione dei 5 Stelle, che partiti per revocare tutte le concessioni nate con la logica che abbiamo appena visto, si sono imbattuti in mille resistenze, e ad oggi non si è revocato un solo metro persino sulla tratta di cui faceva parte il ponte Morandi. Come si risolvono questi due problemi, mettendo in sicurezza il territorio e assicurandoci che le manutenzioni autostradali si facciano e soprattutto si facciano bene? Nel primo caso servirebbe una corsia preferenziale per i lavori di consolidamento degli argini di fiumi e montagne che minacciano aree abitate o grandi arterie stradali.

Di leve in tal senso se ne sono attivate periodicamente, e anche nella cosiddetta legge sblocca cantieri si sono previste alcune deroghe alzando la soglia economica degli affidamenti diretti da parte delle stazioni appaltanti. A oggi però neppure la legge è partita, e fin quando la difesa dal rischio idrogeologico non si considererà davvero un’emergenza nazionale è inutile aspettarsi granché, se non l’avvio di pochi e di certo insufficienti lavori. I soldi, inoltre, per quanto stanziati dallo Stato in deroga ai vincoli di bilancio imposti dall’Unione europea, costituiranno nuovo debito. Ed ecco che qui con una sola terapia si può curare anche il secondo problema, togliendo ai concessionari la gallina dalle uova d’oro di cui si servono da decenni per rimettere a gara la gestione delle autostrade.

NO ALLO STATO IMPRENDITORE. Chi avesse nostalgia dello Stato imprenditore si ricordi della fine di Alitalia e Ilva (ex Italsider), e per questo i privati possono fare senz’altro meglio anche sui caselli, ma i loro margini devono essere quelli di mercato e non una gigantesca mangiatoia, se solo pensiamo che nel 2018 tutti i concessionari (Benetton, Gavio, Toto, ecc.) hanno portato a casa utili per 5,9 miliardi al netto di tasse, manutenzioni a società infragruppo e quant’altro. Soldi che se rimanessero in parte nelle casse pubbliche permetterebbero di fare moltissimi lavori di consolidamento del territorio, e per di più senza creare nuovo debito. Invece di blindarsi dietro la minaccia di contenziosi legali, oppure imbastendo operazioni che hanno più del sapore di uno scambio – come l’investimento di Atlantia (cioè sempre Benetton) in Alitalia, i concessionari potrebbero mettere una pietra sopra alla richiesta di restituzione dei guadagni ottenuti forzando i contratti (ad eccezione dei lavori non eseguiti che hanno provocato morti e incidenti) e se sono così bravi come dicono rivincere le gare, guadagnando il giusto sia loro che finalmente anche lo Stato.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’inganno degli scudi penali

A situazioni straordinarie non serve a niente rispondere con misure ordinarie. Un concetto semplice, che in Europa stentano a capire, ma che qui in Italia qualcuno a modo suo ha capito benissimo, e non gli pare vero di approfittarne. Sull’Unione europea ormai c’è rimasto poco da dire. Germania e Olanda continuano a porre il veto…

Continua

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua