Regioni più dannose del virus

di Gaetano Pedullà

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende tutto più difficile e rischia di allungare la nostra prigionia in casa, attaccati alle televisioni o ai telefonini in attesa delle notizie dal fronte: se i morti sono di più o di meno, a quanto siamo arrivati con i contagiati e con i guariti. In una recente trasmissione tv avevo detto che quando l’emergenza sarà finita bisognerà ripensare al nostro regionalismo, ai limiti e ai costi esorbitanti che comporta, sentendomi rispondere che questa è una minchiata.

A parlare era il più minchione dei nostri governatori, il presidente ligure Giovanni Toti, che a sprezzo del ridicolo rivendicava l’ottimo lavoro delle Regioni, al contrario di quei perdigiorno di Conte e dei suoi ministri che a Roma “non hanno capito” il dramma del Nord, per usare le parole del collega lombardo Attilio Fontana. Purtroppo il nostro è il Paese delle rendite di posizione, e la succulenta mangiatoia delle Regioni fa gola a troppi per ammettere non solo che brucia miliardi, ma che ingarbuglia e duplica molte mansioni, come abbiamo visto fino a ieri con la richiesta di sperimentare sia in Piemonte che in Veneto il farmaco che in Giappone pare abbia qualche successo contro il Covid-19, e di cui l’Aifa, l’Agenzia nazionale per farmaco, altro ente inutile e mangiasoldi, si teneva l’autorizzazione nel cassetto.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Che paura gli assistenti civici

Non ci salvano neppure il volontariato. La destra più becera e cialtrona di sempre, fiancheggiata da giornali e tv costretti a sfidare il senso del ridicolo pur di contestare il governo anche se moltiplicasse i pani e i pesci, ieri non ha trovato di meglio che dichiarare guerra a un esercito di pensionati, di padri,…

Continua

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua

Bonafede e i giochetti di Renzi

Arrivato sotto il 3%, come dicono i sondaggi, Matteo Renzi deve aver pensato di poter trascinare nel baratro anche i 5 Stelle, non limitandosi più a rallentare l’iter delle leggi e a pretendere poltrone: cioè lo sport che pratica dallo stesso giorno in cui promise invano di essere leale con la maggioranza giallorossa. Ora l’ex…

Continua

Una nuova stagione per l’Europa

Può servire più tempo e coraggio, ma le buone idee vincono sempre sugli egoismi e gli steccati ideologici. Così oggi dall’Europa arriva un segnale impensabile fino a un anno fa, quando proprio a maggio 2019 veniva eletto il nuovo Parlamento Ue e la mossa sorprendete e decisiva del premier Giuseppe Conte e della piccola pattuglia…

Continua

A chi la ciccia e a chi le frattaglie

Che qualcosa di grosso stesse cucinando in pentola l’avevano capito tutti da tempo. Se n’era sentito l’odore quando alcuni grandi giornali erano passati alla Fiat (che ora si chiama Fca, ma a me piace usare lo stesso nome a cui lo Stato bonifica da decenni montagne di miliardi pubblici sotto forma di cassa integrazione, contributi…

Continua

Stampa senza speranza

In un Paese normale, un Governo che vara una delle manovre finanziarie più poderose di sempre raccoglie gli applausi. Ma di normale in Italia non è che ci sia rimasto molto, e così ieri in tutti i talk show televisivi, di qualunque canale, è stato un tiro al bersaglio contro il provvedimento, con la solita…

Continua

Ecco la cura da cavallo che ci serve

Una cura da cavallo per rimettere in piedi il Paese. La manovra presentata ieri dal Governo è tanto ricca quanto ambiziosa. Non facciamo qui l’elenco dei provvedimenti, ma va dato atto al premier Giuseppe Conte di aver messo sul tavolo gli stessi soldi che in genere lo Stato tira fuori in due o tre manovre…

Continua

Un Paese paralizzato dai renziani

Si dice che la pazienza è la chiave del Paradiso, ma adesso per sessanta milioni di italiani rischia di diventare la serratura dell’inferno. Da quasi un mese stiamo aspettando il decreto con la manovra da 55 miliardi, cioè ossigeno vitale per famiglie e imprese, e ancora ieri fino a tarda sera era tutto fermo perché…

Continua