Riecco il partito della spreco. Cosa c’è dopo i cantieri inutili? Gli onorevoli stipendi

di Gaetano Pedullà

Mentre i Cinque Stelle puntano al salario minimo per i cittadini, nel Pd lavorano al salario massimo per i parlamentari. Cose da matti, ma dopo aver visto Zingaretti e i suoi festeggiare l’otto e cocci per cento racimolato in Basilicata non possiamo più stupirci di nulla. E d’altra parte, una volta perso il contatto col pianeta terra, come attenderci che il partito più rappresentativo della Sinistra si ricordi cosa sia la Sinistra medesima. Le avvisaglie di tale sbarellamento le avevamo registrate sgomenti già nella scorsa legislatura, quando di fronte a un’impennata senza precedenti di nuovi poveri i dem tirarono fuori la pistola ad acqua del Rei, il Reddito d’inclusione sul quale misero appena un miliardo e mezzo.

Spicci che ancora adesso usano come alibi per giustificare la loro pretestuosa opposizione al Reddito di cittadinanza, cioè la più grande manovra mai fatta nel nostro Paese contro la povertà e per l’inclusione di chi è rimasto ai margini del mondo del lavoro. Arriviamo all’attuale legislatura e l’autorevole senatore Luigi Zanda presenta una proposta di legge per ripristinare il finanziamento pubblico ai partiti, tolto dall’allora premier Enrico Letta sull’onda della crescente protesta contro la Casta e i costi della politica. Si fa il congresso, vince il nuovo che avanza, e Zingaretti cosa fa? Promuove Zanda tesoriere del Pd. Come dire: bene, bravo, bis! Ma in certi partiti più la si fa grossa e più si fa carriera, un po’ come quando si ricevono avvisi di garanzia e magari anche le manette.
Tanto a nessuno viene in mente di espellere chi si macchia di quisquiglie tipo intascare mazzette e pilotare gli appalti, sprecando il denaro pubblico.

Così non è raro trovare nelle liste elettorali personaggi in attesa di giudizio, come abbiamo visto abbondantemente anche nelle ultime regionali lucane, giusto per restare alle cronache di questi giorni. Un’abitudine per partiti che ancora adesso si stracciano le vesti per protesta contro i 5S, dove dopo sei anni dall’ingresso in Parlamento si è scoperto a Roma un unico caso di presunta corruzione, e l’interessato – il presidente del Consiglio comunale Marcello De Vito – è stato espulso dal Movimento in quattro e quattr’otto. Troppo poco se si guarda in casa dei Cinque Stelle (ovviamente dimenticando di guardare in casa propria) perché nel sistema di tangenti elargite dal palazzinaro Parnasi per costruire lo stadio della Roma c’era finito anche l’ex vicesindaco Daniele Frongia.

Purtroppo per i sostenitori della traballante teoria che vuole i grillini corruttibili alla pari degli altri partiti, su Frongia ieri è arrivata la richiesta di archiviazione avanzata direttamente dalla Procura che indaga. Le forze politiche dunque non sono tutte uguali, e per evitare fraintendimenti sempre l’ineffabile Zanda ne ha fatta un’altra delle sue, proponendo di aumentare il frugale emolumento di deputati e senatori, equiparandolo a quello dei parlamentari europei, notoriamente meglio pagati. A questo punto a chi sta leggendo potrebbe essere salito il sangue agli occhi, ma questa vicenda più che rabbia dovrebbe aiutarci a riflettere.

Se il Pd – e non da solo – è arrivato a sostenere un colossale abuso di denaro pubblico come il Tav, riscuotendo l’adesione di madamin e altri generosi spendaccioni (quando si tratta di denaro dello Stato), è perché il tema dell’impiego efficiente delle risorse della collettività è sparito dai radar, seppellito dalla retorica dei cantieri da aprire indipendentemente da cosa si costruisce e quanto servano. Concetti che nei talk show televisivi non si possono sfiorare, se non a costo di passare per nemici del progresso. A forza di cullare un certo pensiero mainstram contro i 5 Stelle si fa però la fine di Zanda, prendendo a schiaffi gli italiani.

Se l’aumento degli stipendi dei parlamentari è improbabile che faccia salire i consensi del Pd, la Repubblica che titola in prima pagina “bollette elettorali” per accusare il Governo di aver abbassato il costo di luce e gas in vista delle elezioni in realtà fa un regalo a Di Maio, certificando che urne o no qualcuno quei costi li abbassa. E al Paese è questo che serve, non chi tifa per lasciare la bolletta com’era.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua

Bonafede e i giochetti di Renzi

Arrivato sotto il 3%, come dicono i sondaggi, Matteo Renzi deve aver pensato di poter trascinare nel baratro anche i 5 Stelle, non limitandosi più a rallentare l’iter delle leggi e a pretendere poltrone: cioè lo sport che pratica dallo stesso giorno in cui promise invano di essere leale con la maggioranza giallorossa. Ora l’ex…

Continua

Una nuova stagione per l’Europa

Può servire più tempo e coraggio, ma le buone idee vincono sempre sugli egoismi e gli steccati ideologici. Così oggi dall’Europa arriva un segnale impensabile fino a un anno fa, quando proprio a maggio 2019 veniva eletto il nuovo Parlamento Ue e la mossa sorprendete e decisiva del premier Giuseppe Conte e della piccola pattuglia…

Continua

A chi la ciccia e a chi le frattaglie

Che qualcosa di grosso stesse cucinando in pentola l’avevano capito tutti da tempo. Se n’era sentito l’odore quando alcuni grandi giornali erano passati alla Fiat (che ora si chiama Fca, ma a me piace usare lo stesso nome a cui lo Stato bonifica da decenni montagne di miliardi pubblici sotto forma di cassa integrazione, contributi…

Continua

Stampa senza speranza

In un Paese normale, un Governo che vara una delle manovre finanziarie più poderose di sempre raccoglie gli applausi. Ma di normale in Italia non è che ci sia rimasto molto, e così ieri in tutti i talk show televisivi, di qualunque canale, è stato un tiro al bersaglio contro il provvedimento, con la solita…

Continua

Ecco la cura da cavallo che ci serve

Una cura da cavallo per rimettere in piedi il Paese. La manovra presentata ieri dal Governo è tanto ricca quanto ambiziosa. Non facciamo qui l’elenco dei provvedimenti, ma va dato atto al premier Giuseppe Conte di aver messo sul tavolo gli stessi soldi che in genere lo Stato tira fuori in due o tre manovre…

Continua

Un Paese paralizzato dai renziani

Si dice che la pazienza è la chiave del Paradiso, ma adesso per sessanta milioni di italiani rischia di diventare la serratura dell’inferno. Da quasi un mese stiamo aspettando il decreto con la manovra da 55 miliardi, cioè ossigeno vitale per famiglie e imprese, e ancora ieri fino a tarda sera era tutto fermo perché…

Continua

Lo Stato fermi la speculazione sulle mascherine

Stavolta non basteranno tutte le mascherine del mondo per coprire le vergogne del mercato. Facciamo una premessa: nulla ci piace meno dell’economia di Stato e dei carrozzoni che sono state molte vecchie partecipazioni statali. Ci sono però cicli economici che impongono ai governi di sostenere le imprese, dai campioni nazionali a quelle più piccole e…

Continua