Riecco il partito della spreco. Cosa c’è dopo i cantieri inutili? Gli onorevoli stipendi

di Gaetano Pedullà

Mentre i Cinque Stelle puntano al salario minimo per i cittadini, nel Pd lavorano al salario massimo per i parlamentari. Cose da matti, ma dopo aver visto Zingaretti e i suoi festeggiare l’otto e cocci per cento racimolato in Basilicata non possiamo più stupirci di nulla. E d’altra parte, una volta perso il contatto col pianeta terra, come attenderci che il partito più rappresentativo della Sinistra si ricordi cosa sia la Sinistra medesima. Le avvisaglie di tale sbarellamento le avevamo registrate sgomenti già nella scorsa legislatura, quando di fronte a un’impennata senza precedenti di nuovi poveri i dem tirarono fuori la pistola ad acqua del Rei, il Reddito d’inclusione sul quale misero appena un miliardo e mezzo.

Spicci che ancora adesso usano come alibi per giustificare la loro pretestuosa opposizione al Reddito di cittadinanza, cioè la più grande manovra mai fatta nel nostro Paese contro la povertà e per l’inclusione di chi è rimasto ai margini del mondo del lavoro. Arriviamo all’attuale legislatura e l’autorevole senatore Luigi Zanda presenta una proposta di legge per ripristinare il finanziamento pubblico ai partiti, tolto dall’allora premier Enrico Letta sull’onda della crescente protesta contro la Casta e i costi della politica. Si fa il congresso, vince il nuovo che avanza, e Zingaretti cosa fa? Promuove Zanda tesoriere del Pd. Come dire: bene, bravo, bis! Ma in certi partiti più la si fa grossa e più si fa carriera, un po’ come quando si ricevono avvisi di garanzia e magari anche le manette.
Tanto a nessuno viene in mente di espellere chi si macchia di quisquiglie tipo intascare mazzette e pilotare gli appalti, sprecando il denaro pubblico.

Così non è raro trovare nelle liste elettorali personaggi in attesa di giudizio, come abbiamo visto abbondantemente anche nelle ultime regionali lucane, giusto per restare alle cronache di questi giorni. Un’abitudine per partiti che ancora adesso si stracciano le vesti per protesta contro i 5S, dove dopo sei anni dall’ingresso in Parlamento si è scoperto a Roma un unico caso di presunta corruzione, e l’interessato – il presidente del Consiglio comunale Marcello De Vito – è stato espulso dal Movimento in quattro e quattr’otto. Troppo poco se si guarda in casa dei Cinque Stelle (ovviamente dimenticando di guardare in casa propria) perché nel sistema di tangenti elargite dal palazzinaro Parnasi per costruire lo stadio della Roma c’era finito anche l’ex vicesindaco Daniele Frongia.

Purtroppo per i sostenitori della traballante teoria che vuole i grillini corruttibili alla pari degli altri partiti, su Frongia ieri è arrivata la richiesta di archiviazione avanzata direttamente dalla Procura che indaga. Le forze politiche dunque non sono tutte uguali, e per evitare fraintendimenti sempre l’ineffabile Zanda ne ha fatta un’altra delle sue, proponendo di aumentare il frugale emolumento di deputati e senatori, equiparandolo a quello dei parlamentari europei, notoriamente meglio pagati. A questo punto a chi sta leggendo potrebbe essere salito il sangue agli occhi, ma questa vicenda più che rabbia dovrebbe aiutarci a riflettere.

Se il Pd – e non da solo – è arrivato a sostenere un colossale abuso di denaro pubblico come il Tav, riscuotendo l’adesione di madamin e altri generosi spendaccioni (quando si tratta di denaro dello Stato), è perché il tema dell’impiego efficiente delle risorse della collettività è sparito dai radar, seppellito dalla retorica dei cantieri da aprire indipendentemente da cosa si costruisce e quanto servano. Concetti che nei talk show televisivi non si possono sfiorare, se non a costo di passare per nemici del progresso. A forza di cullare un certo pensiero mainstram contro i 5 Stelle si fa però la fine di Zanda, prendendo a schiaffi gli italiani.

Se l’aumento degli stipendi dei parlamentari è improbabile che faccia salire i consensi del Pd, la Repubblica che titola in prima pagina “bollette elettorali” per accusare il Governo di aver abbassato il costo di luce e gas in vista delle elezioni in realtà fa un regalo a Di Maio, certificando che urne o no qualcuno quei costi li abbassa. E al Paese è questo che serve, non chi tifa per lasciare la bolletta com’era.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La tv del cambiamento e l’orgoglio razzista. Poletti nega di aver scritto l’articolo, ma anche nella smentita qualcosa non torna

Prima di vomitare leggete le ultime righe. Razzista. Sì sono razzista. Razzista, razzista e ancora razzista. Per chi non l’avesse ancora capito sono razzista. Razzista. E questo è un articolo razzista scritto da un giornalista razzista di un giornale razzista espressione di un movimento razzista costituito da milioni e milioni di razzisti. Sono, siamo, siete…

Continua

Basta con gli annunci avventati. Sono un regalo a chi specula

Quando il ministro delle Finanze, Giovanni Tria, dice che le tensioni degli ultimi giorni sullo spread del nostro debito pubblico sono ingiustificate, implicitamente ammette che il Paese è sotto un massiccio attacco speculativo. Sui mercati, insomma, si sta giocando al ribasso sul Btp, pur offrendo quest’ultimo un rendimento del 2,75%, a fronte dei titoli equivalenti…

Continua

Dopo il voto sarà tutto un altro film

Come si cambia per non morire, come si cambia per ricominciare… ma ve la ricordate questa bella canzone di Fiorella Mannoia? Racconta uno dei miracoli dell’amore, e a sua insaputa anche la politica italiana di queste settimane. Per non soccombere nelle urne ormai a due passi, le forze politiche stanno alzando i toni e caricando…

Continua

Che bello ballare con la Lega. In Rai si sta pensando di dare un programma all’ex deputata De Girolamo

Nelle piccole cose spesso ci stanno le grandi. Un concetto – direte – che non vale per le leggi della fisica, ma che diventa indiscutibile se ci affacciamo alla finestra per sentire l’aria che tira nella politica italiana. La più grande cosa che abbiamo davanti è il cambiamento avviato dal primo Governo composto da forze…

Continua

Che silenzio sul voto per l’Europa. E’ l’occasione per chiudere l’epoca infelice dell’austerità e degli euroburocrati

Un albero che cade fa più rumore di un’intera foresta che cresce, ma se i partiti fanno tutti i taglialegna alla fine resta solo un frastuono che stordisce, bloccandoci su fantomatiche guerre ai negozi della cannabis o all’evergreen dei rigurgiti fascisti, questo giro persino dentro una fiera letteraria, mentre ci sfuggono del tutto quisquiglie come…

Continua

Le lenti per vedere la morale. Se tra i casi Raggi e Siri non notate differenze non servono gli occhiali ma una cura seria di etica pubblica

Dopo due anni passati da imputata, la sentenza del processo a Virginia Raggi rivela che lei era la vittima e non l’autrice di un raggiro ordito dai fratelli Raffaele e Renato Marra, cioè i funzionari del Campidoglio che riteneva più vicini. Questo è quello che sta scritto nelle motivazioni del giudice che l’ha assolta, e…

Continua

L’Ue al solito vede nero. E se resta il rigore ci fanno neri sul serio. La Commissione riduce il nostro Pil e prenota una nuova austerità

Solite ricette dall’Europa. Mentre prepara gli scatoloni per sloggiare, ieri la Commissione di Bruxelles è tornata a tagliare le stime sulla crescita (non solo italiana), noncurante degli infiniti errori del passato e – nel nostro caso – di non poterci dare lezioni, in quanto nessun Paese ha fatto crescere l’occupazione più di noi nel primo…

Continua

Ricompare l’etica in politica. Conte ha dimostrato di non agire da giudice ma da garante del cambiamento

Siccome non c’è più sordo di chi non vuol sentire, Matteo Salvini ha ignorato fino all’ultimo i saggi consigli degli alleati di Governo, e così ha finito per marcare una distanza abissale tra i Cinque Stelle che cacciano subito un loro indagato per corruzione e la Lega che invece deve farsi cacciare dal premier un…

Continua

Gli slogan della Lega castrano le imprese

Dalla castrazione alla castroneria il passo è breve, come si capisce leggendo la proposta di legge della Lega dove questa punizione di tipo farmacologico per gli stupratori è prevista solo su base volontaria e alternativa al carcere. Dunque parlarne non è neppure un deterrente. Eppure ieri Matteo Salvini non ci ha pensato un attimo a…

Continua

La politica che piace alle mafie. Il caso Siri è troppo per continuare a far finta di niente

Se non fossimo convinti che Matteo Salvini sia arcinemico dalla mafia non avremmo un attimo di indugio a chiederne con tutta la forza possibile l’uscita dal Governo, a costo di interrompere un’esperienza che in dieci mesi ha fatto più e meglio di intere legislature del passato. Ma con la mafia, cioè l’imposizione di un’anti-stato sullo…

Continua