Silvio Pellico si rivolta nella tomba

di Gaetano Pedullà

Visto che Carnevale arriva dopo le prossime regionali, per fare in tempo a mascherarsi da Silvio Pellico e rendere credibile il travestimento annunciando il rischio di finire in prigione, a Matteo Salvini non restava che spararsi sui piedi. La maggioranza, altrettanto in vena di scherzi, gli ha giocato un brutto tiro non presentandosi in Giunta per le autorizzazione a procedere, e così a dare il via libera alla richiesta dal tribunale dei ministri per la vicenda Gregoretti sono stati i componenti della Lega, peraltro in opposizione ai colleghi più coerenti di Fratelli d’Italia e Forza Italia.

Come in un gioco di specchi, dove nulla è come sembra, l’ex ministro che si dichiara colpevole solo di aver difeso i sacri confini nazionali, si manda a processo da solo, mentre Cinque Stelle e Pd, che vogliono veder fare alla giustizia il suo corso, non si pronunciano, lasciando ogni decisione al Centrodestra. Ma se questo processo non s’ha da fare salta lo spot per le elezioni, e con le piazze piene di sardine la vittoria non è poi così scontata. Perciò dove non arriva il sovranismo si passa al vittimismo – per dirla alla Di Maio – e si mostra agli elettori un martire, un eroe aggredito nell’adempimento dei suoi doveri. In questo modo Salvini ottiene anche altri vantaggi: tutta la vicenda fa diventare il voto in Emilia Romagna e in Calabria un giudizio su di lui – lo vogliamo libero o condannato? – sottraendolo al merito delle accuse che gli sono mosse.

Accanto a questo, si sottrae lo stesso voto alla naturale dimensione locale e lo si trasforma in un antipasto del voto nazionale, sfruttando la debolezza delle forze della maggioranza ammaccate dalla difficoltà di governare in condizioni economiche e sociali proibitive. In questa commedia degli equivoci, l’unica cosa certa è l’abitudine della Lega a fuggire dalla Giustizia, con l’eterno alibi delle toghe rosse delle Procure, da Palermo (caso Siri-Nicastri) a Milano (Rubligate), dei tribunali (Genova per i 49 milioni), del tribunale dei ministri (casi Diciotti e Gregoretti), persino della Corte costituzionale (definita solo pochi giorni fa vergognosa per aver bocciato il referendum elettorale). Troppi soggetti per un alibi che regga.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Paese di allenatori e virologi

La paura è un sentimento che ha del buono, perché ci focalizza su un problema e spesso ci permette di venirne fuori con una forza che neppure sapevamo di possedere. Quando però diventa panico, ci porta a fare gravi errori, e talvolta a pagarli cari. Dunque sta a noi dare il giusto peso alle cose,…

Continua

L’Agcom si è accorta che la tv (e i giornali) hanno fritto il Movimento Cinque Stelle

Non ci voleva l’Agcom per scoprire l’acqua calda. Chiunque accenda anche di rado la tv, da anni vede un tiro al bersaglio a reti unificate contro i Cinque Stelle. Così si è distrutta l’immagine del Movimento, colpevole di aver fatto affidamento solo sui social e sulla rete, sottovalutando che il tamburo quotidiano sul piccolo schermo…

Continua

Autostrade, i Benetton hanno tirato troppo la corda

Si dice che il gioco è bello quando dura poco, mentre invece il giochino delle autostrade affidate ai privati per due soldi è stato bellissimo (per loro) ed è durato decenni. Adesso era ora che questo scandalo al sole finisse, anche perché se non sono sufficienti i 43 morti del ponte Morandi di Genova o…

Continua

La più forte a Roma è la Raggi

Partì per suonarla e tornò suonata. È andata così a la Repubblica, quotidiano non più ostile di tutti gli altri nei confronti della sindaca di Roma, che ieri ha pubblicato un sondaggio sul gradimento della Raggi. Il titolo non lascia spazio a fraintendimenti: “Comunali, il flop di sindaca e M5S. Meno di uno su due…

Continua

La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la…

Continua

Due Mattei col terrore di sparire

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi…

Continua

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Una partita di potere per Renzi

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di…

Continua

Champagne a fiumi per i corrotti

Un passo avanti e due indietro. Se l’Italia sta messa come sta ci sarà qualche motivo, e il primo tra tutti è che siamo allergici alle riforme, soprattutto se toccano politici e colletti bianchi. A ricordarcelo, semmai ci illudessimo di voltare pagina, è stata ieri la Corte costituzionale, bocciando un principio di assoluto buonsenso: chi…

Continua

Sembravano sardine. Erano squali

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non…

Continua