Solo la stampa nemica dei 5S non sbaglia. Turchi e russi alimentano la crisi in Libia, ma si spara a senso unico su Di Maio

di Gaetano Pedullà

Voce di popolo – si dice – voce di Dio. Ma seppure quasi tutti i giornali sparino a senso unico sul ruolo marginale dell’Italia e del ministro Luigi Di Maio nella crisi libica, qui si capisce perché il suddetto popolo alla stampa crede pochissimo, e a buona ragione. Lasciamo perdere perciò quelle che sono libere opinioni piuttosto che notizie (Di Maio, gli Esteri non sono il suo mestiere, Lucia Annunziata; La tragedia di un ministro ridicolo, Dagospia; Governo raccapricciante: più che agli Esteri Di Maio lo avrei mandato all’estero, Vittorio Feltri; ecc. ecc.) e vediamo quanti generali e capi di Stato nel bel mezzo di una guerra lasciano le loro truppe per andare a Palazzo Chigi, come ha fatto ieri Haftar e come fino all’ultimo era in programma che facesse il suo nemico Al Sarraj.

Mentre la Germania della quale si cantano solo lodi per l’influenza e la capacità di chi la governa non riesce neppure a fissare la data della conferenza di pace prevista a Berlino, l’incapace Governo di Roma era riuscito persino a far stringere la mano ai grandi contendenti al vertice di Palermo. Un successo clamoroso che ha contribuito a tenere il conflitto attorno a Tripoli per oltre un anno a bassa intensità, prima che la situazione degenerasse per un’evidentissima novità. Quel fesso di Di Maio, come ormai viene definito da tutto il mainstream senza un briciolo di onestà intellettuale, si è rifiutato di dare al nostro alleato Al Sarraj le armi che chiedeva, per il semplice motivo che quel manualetto chiamato Costituzione vieta al nostro Paese di fomentare le guerre.

Così al nostro posto si è offerto di mandare truppe e mezzi il sultano turco Erdogan, inserendosi in una partita di spartizione egemonica su quell’area che lo vede apparentato con Putin, altro leader con gli stessi problemi di consenso democratico in casa propria e perciò determinato a blindare il proprio potere in patria usando la leva del nazionalismo. Nulla di diverso da quanto sta facendo Trump, anche lui alle prese con le difficili elezioni presidenziali e ancor di più con l’impeachment. Due ottimi motivi, insomma, per tirare un missile sul leader iraniano Soleimani, con una spregiudicatezza che avrebbe già fatto scoppiare una tempesta militare se a parti invertite lo stesso trattamento fosse stato riservato a un componente dell’Esecutivo americano.

In tutto questo caos, l’Italia sta tenendo quasi da sola le redini della diplomazia, spingendo un’Europa afona e inesistente come entità politica unitaria, mentre i singoli Paesi attendono gli eventi per farsi come meglio possono gli affari loro, a cominciare dalla Francia che proprio sullo scacchiere libico ha responsabilità storiche, assetata dell’energia che da sempre prova a sottrarre agli accordi commerciali con l’Italia. Ora, da tutti questi egregi commentatori che massacrano allegramente Conte e Di Maio sarebbe interessante sapere cosa dovrebbero fare di diverso i nostri premier e ministro degli Esteri, tipo mandare le truppe in una nuova guerra coloniale di cui si farnetica a Destra? Oppure spedire nuovi e più calorosi tweet di congratulazioni a Trump per aver portato il mondo sull’orlo di una guerra mondiale, solo perché siamo leali alleati nella Nato e qualcuno dei giornalisti più genio degli altri ci racconta favole tipo quella dell’Iran che ha già perdonato Washington?

Una ricostruzione, quest’ultima, tutta da dimostrare mentre volano le bombe sulle basi Usa e i militari italiani non si capisce a che titolo restano in un Paese sovrano che ci ha chiesto di andarcene. Ma per i nostri sovranisti alle vongole l’autodeterminazione dei popoli è un concetto che va bene a fasi alterne e soprattutto a patto di non disturbare il manovratore americano, non sia mai che col rumore dei bombardamenti gli sia sfuggito il cinguettio ruffianeggiante di Salvini.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

M5S, Pd e la saggezza tra alleati

Quando si vede un brutto film è da matti pagare il biglietto per rivederlo ancora. Eppure nella politica italiana i casi da psichiatria non mancano e dunque non c’è da meravigliarsi di nulla. Il soggetto della vecchia pellicola è un tradimento ambientato sulla spiaggia del Papeete, quando l’estate scorsa Matteo Salvini pugnalò Luigi Di Maio…

Continua

Le Regionali e tre lezioni per il futuro di Governo e Cinque Stelle

La maledizione dei referendum sulla propria persona colpisce anche l’altro Matteo, dopo Renzi tocca a Salvini, e l’appuntamento col citofono di Palazzo Chigi per far sloggiare il premier Conte è rinviato almeno di un anno, ma forse per tutta la durata della legislatura. Il leader della Lega e i suoi improbabili esperti di democrazia parlamentare…

Continua

Un voto determinante per consentire al Governo di far ripartire il Paese

Quello del silenzio elettorale è il giorno in cui pensare che Paese siamo e dove vogliamo andare. Al di là degli aspetti locali e delle rassicurazioni che arrivano da Palazzo Chigi e dintorni, il voto in Emilia Romagna e Calabria avrà ripercussioni sull’Esecutivo e potenzialmente sulla fine della legislatura e sul ritorno al Governo del…

Continua

È Vespa il padrone della Rai

Se ne doveva andare Bruno Vespa e invece se n’è andato Luigi Di Maio. Basta questo per spiegare – meglio di tante raffinate analisi politiche – la parabola dei Cinque Stelle. La forza che aveva promesso un profondo cambiamento nel Paese ha tollerato che restasse intatto l’emblema più visibile, quasi sacro, della conservazione del vecchio…

Continua

Aspettate a seppellire Luigi

Chi ha tirato fuori lo Champagne per festeggiare la caduta di Luigi Di Maio aspetti a stappare. In un Paese dove le carriere politiche durano decenni, un leader di appena 33 anni, con capacità e un non indifferente seguito personale può rallentare a una curva, ma chissà poi quanta altra strada può fare. Luigi (come…

Continua

All’Ilva si è sventata una rapina

Strike sulle bugie dell’Ilva. Nelle memorie dei commissari straordinari depositate ieri al tribunale di Milano c’è finalmente la verità su mesi di battaglie per lo scudo penale. La decisione di togliere questa sorta di privilegio feudale (presa dal Governo Conte 1 su pressione del Movimento Cinque Stelle) fu usata dal colosso dell’acciaio ArcelorMittal per provare…

Continua

Silvio Pellico si rivolta nella tomba

Visto che Carnevale arriva dopo le prossime regionali, per fare in tempo a mascherarsi da Silvio Pellico e rendere credibile il travestimento annunciando il rischio di finire in prigione, a Matteo Salvini non restava che spararsi sui piedi. La maggioranza, altrettanto in vena di scherzi, gli ha giocato un brutto tiro non presentandosi in Giunta…

Continua

L’arbitro che diventa goleador

Ci mancava l’arbitro che si finge super partes e poi fa gol nella porta avversaria. Il voto decisivo della presidente del Senato Casellati sulla vicenda Gregoretti segna un altro cedimento delle nostre istituzioni alle logiche politiche di parte, in un contesto in cui persino la Corte costituzionale è attaccata violentemente da Salvini per aver bocciato…

Continua

Che errore le urne su misura

Se non l’avessimo letto con i nostri occhi non potremmo crederci: la bocciatura del referendum sulla legge elettorale proposto dalla Lega “è un furto di democrazia” da parte di “Pd e Cinque Stelle che sono e restano attaccati alle poltrone”. Parole di Matteo Salvini, lo stesso che vuole buttare 300 milioni di soldi pubblici per…

Continua

Chi sta lacerando il Paese

Fino al momento in cui scrivo questo fondo non è scoppiata alcuna bomba nella sede di Repubblica, ma l’allarme che ieri sera ha costretto giornalisti e personale ad evacuare di corsa l’edificio è solo l’ultimo segnale di un’insopportabile stagione di intolleranza. In tanti hanno commentato che quel giornale se l’è cercata, perché sempre ieri titolava…

Continua