Sono troppe le fratture del chirurgo

di Gaetano Pedullà

Non c’è niente da festeggiare. La caduta di Marino è una sconfitta per Roma e per i cittadini che l’hanno votato, aspettandosi il miracolo da un’esponente di quella società civile che prometteva di cambiare profondamente la Capitale. La situazione però non consentiva altro epilogo. Colpa prima di tutto della plateale inefficacia della sua amministrazione, di una città sporca e nel caos. Ma gli errori sono stati tanti. Dai ponti tagliati col Vaticano all’insulto continuo col centrodestra (e i fascisti spediti nelle fogne), dagli strappi con un mucchio dei suoi stessi assessori e col suo partito. La frattura più profonda è stata però il rapporto con la città, non tanto per qualche cena messa in conto al Comune, ma per aver nascosto la verità, inventandosi ospiti mai arrivati a queste colazioni di lavoro. Si sentiva forte Marino, tanto da stare in vacanza mentre si decideva se commissariare il Campidoglio. Sapeva bene che senza di lui si apriva la strada ai 5Stelle. Perciò fu graziato. Fino a ieri, quando nel Pd ha fatto capolino l’idea cinica che se Roma finirà a Grillo sarà peggio per lui. Così vedrà che vuol dire. L’epilogo che il chirurgo non aveva considerato.

  • Saverio Schinzari

    Ma perchè vi fanno tanto paura i 5 Stelle a fronte di numerose amministrazioni di centrodestra e centrosinistra che hanno fatto quasi tutte più o meno schifo ? Siamo in democrazia, o sbaglio ? Qualcosa l’ignaro chirurgo se la era messa a fare, con l’ostilità di tanti poteri forti della città, di tanti funzionari comunali e quant’altro. Marino o non Marino, per risolvere i malanni o i mali di Roma ci vuole la mano forte, e leggi speciali contro la malavita, la mafia o la n’drangheta. Chi sarà ad esempio il primo ministro capace di elaborare leggi speciali capaci di restituire il mare italiano deturpato da tanti stabilimenti balneari agli italiani, al di là delle pregresse sanatorie edilizie fittizie usum delphini ? Chilometri di spiaggia, sottolineo, sono deturpati da numerosi stabilimenti balneari in mano alla mala. Lo sanno tutti. Ma intrecci, collusioni stratificate nell’arco degli anni impediscono di fare vere pulizie, e non solo ad Ostia. Se in Italia non si è in grado di prendere misure forti e ripristinare la legalità, allora questo Paese è davvero finito. Mettiamocelo in mente. Tutti. E poi vedi da quale pulpito vengono le prediche. Questa mattina un quotidiano romano titola: ” Renzi come Marino. Le sue cene le pagava sempre il Comune”. Altro che i ventimila euro di scontrini di Marino. Che venga sfiduciato in Consiglio comunale e vediamo di cosa lo accusano tanti ignavi ed ipocriti suoi colleghi di partito.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua