Stavolta Beppe non fa ridere

di Gaetano Pedullà

Beppe Grillo deve essersi ricordato il mestiere che faceva prima di scoprirsi statista ed è tornato a fare il comico. La gag sulla legge elettorale però non gli è riuscita benissimo. Certo, dall’accordo con Renzi e Berlusconi stava venendo fuori una tale schifezza che l’improvvisa marcia indietro ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla base Cinque Stelle. Ma il via libera rimangiato alla velocità della luce non lo fa brillare per affidabilità e coerenza. L’obiettivo dell’intesa era chiaro: stanare le vere intenzioni di chi giura di voler andare a votare e far diventare pazzi i cespugli a destra, a sinistra e al centro, costretti a partire dal Parlamento senza biglietto di ritorno. Il nuovo appello alla rete sembra perciò più un alibi per sfilarsi che il giusto tributo a quella democrazia diretta che il Movimento sostiene da sempre. Col risultato di far tornare ogni scenario in alto mare, illustrando al mondo che qui la politica naviga a vista. Non proprio quello che si aspettano gli osservatori e i mercati. Dove guarda caso l’Ocse anche ieri ci ha detto che la nostra economia sarà quella che crescerà meno in Europa.

  • Saverio Schinzari

    Commento molto superficiale, ove i franchi tiratori sono ben altri, sono tra i PD e Forza Italia. Grillo e compagni aspettavano ” democraticamente ” il dibattito parlamentare per far passare alcuni emendamenti su temi per i quali sin dall’inizio si erano detti contrari. Era risaputo che volevano il voto disgiunto, e le preferenze. Poi lo scivolone di Renzi e compagni sull’emendamento Biancofiore e Fraccaro sulla modifica della legge elettorale nel Trentino Alto Adige. Questa volta lo sgambetto non è riuscito al PD e se la legge elettorale muore qui è colpa tutta di Renzi che questa volta è rimasto con il cerino acceso tra le mani. Altro che Cinque Stelle inaffidabili. I veri comici sono usciti allo scoperto !

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Com’è democratico lei! Beppe Grillo ha figli e figliastri

Sarà pure il papà di tutti, come ha detto ieri a Rimini, ma Beppe Grillo non c’è dubbio che ha figli e figliastri. Alcuni se li è mangiati, forse per sperimentare l’effetto che fa vomitarli, come gli piacerebbe fare con i giornalisti. Basti pensare al sindaco di Parma, Pizzarotti, cacciato dal Movimento per aver ricevuto…

Continua

Siamo ricchi, qui è pieno di immigrati

Toh guarda! Se l’economia va un po’ meglio è merito anche degli immigrati. La notizia, che manderà la lettura dei giornali di traverso a un esercito di piccoli Salvini, non è l’invenzione di qualche Organizzazione non governativa smaniosa di tornare a pesca di disperati in mezzo al Mediterraneo. A certificare che i migranti creano ricchezza…

Continua

Liberalizzare il lavoro per davvero

E poi ci si meraviglia che in Italia le imprese ci pensino cento volte prima di assumere un dipendente, anche se ne hanno bisogno e il Governo mette sul piatto tanti soldi come incentivo. Sentite cosa è accaduto alle Poste, dopo che un impiegato è stato condannato in primo grado per aver portato via dalla…

Continua

Candidati senza programmi

Le sparate di Salvini, le finte primarie di Di Maio, il redivivo Berlusconi e il rimpianto di Renzi per il governo perduto. Persino la politica di queste settimane, in rampa di lancio per le prossime elezioni, emoziona come vedere una partita di calcio tra squadre di pipponi. Il motivo, che sfugge a leader troppo presi…

Continua

Candidati e ipocrisie a 5 stelle

Ci voleva la provocazione di Saviano per dare un’emozione alla scelta spintanea di Luigi Di Maio candidato premier dei Cinque Stelle. Ci fosse ancora qualche puro che non l’avesse capito, nel Movimento uno vale uno, nel senso di uno in una scala che però evidentemente sale fino a mille, dove in cima ci sono solo…

Continua

La Lega non derubi due volte

Senza soldi non si canta messa, figuriamoci se si fa politica. Matteo Salvini ha molto chiaro che il blocco dei fondi pubblici assegnati alla Lega azzoppa la sua corsa prima ancora dello start per le politiche. Il punto è che quei soldi sono in parte il frutto di un reato, benché certamente non commesso dall’attuale…

Continua

Non ci sono i leader di una volta

È incredibile come in un’epoca di grida e risse su tutto le parole più incendiarie possano essere pronunciate con la pacatezza di un signore come Graziano Delrio. Il suo partito, il Pd, aveva deciso di fare dello Ius Soli una bandiera. Renzi si è speso in lungo e largo per spiegare che riconoscere gli stessi…

Continua

Odiatori di professione sui migranti

Se io fossi… se io fossi un migrante che dall’Africa è arrivato in Europa per dare una speranza a una vita disperata, ringraziando il mare per ogni onda che non mi ha fatto naufragare… Se io fossi un bambino nero o giallo diventato uomo in una culla di bellezza come l’Italia… Se io fossi una…

Continua

I veri numeri sul lavoro sono negativi

Come darla vinta al diavolo e all’acqua santa. Gli ultimi dati dell’Istat sull’occupazione sono un capolavoro di diplomazia comunicativa. Le persone che non trovano un impiego aumentano, in controtendenza con l’Europa. Però se si conta chi ha un posto, ecco che saliamo ai livelli del 2008, prima della grande crisi. Chi fornisce questi numeri meriterebbe…

Continua

Sui migranti c’è un torneo dei cretini

Se un cretino si prende la scena dicendo la più stupida delle fesserie, in Italia non solo si corre tutti dietro alla fesseria, ma un attimo dopo ecco che arriva un cretino più grande che migliora la prestazione e apre il campionato di chi la spara più grossa. Il caso del momento è quello del…

Continua