Tassi fermi. La nuova Europa parte male

di Gaetano Pedullà

Dialogare con l’Unione europea “perché senza di questa non c’è futuro”. Facile a dirsi per il Presidente Sergio Mattarella, che ieri si è espresso così alla tradizionale cerimonia del ventaglio, ma se non era per la trattativa del premier Giuseppe Conte e il voto “sulla fiducia” dato dai Cinque Stelle alla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, oggi con l’Europa avremmo il rapporto più difficile di sempre. Questo non vuol dire che Bruxelles non debba profondamente riformare quelle politiche del rigore che ci hanno messo in ginocchio, ma di queste trasformazioni senza un confronto non ci sarebbe neppure la speranza.

Riallacciare il filo tra le istituzioni di una grande comunità transnazionale e i cittadini è però un obiettivo tutt’altro che semplice. Le tradizionali famiglie europee – popolari, socialisti e liberali – uscite vincitrici dalle ultime elezioni, seppure col fiato sul collo delle forze populiste e sovraniste, hanno dovuto promettere cambiamenti radicali e adesso sono attese al varco. La Gran Bretagna, con l’insediamento di Boris Johnson, è destinata a tornare interamente sotto l’ombrello dell’amico Trump, e un equilibrio perennemente conflittuale non aiuterà l’Ue a risolvere i suoi problemi, a meno di nuove tentazioni da parte di Germania e Francia di mollare al loro destino i Paesi mediterranei.

Accantonato per il momento questo scenario, con la conseguente suggestione dell’euro pesante che si porta dietro, ogni segnale in arrivo dall’Ue è determinante per capire se siamo davanti a una svolta vera, o ci aspettano i soliti piatti indigesti a base di austerity, spread e bacchettate sui conti pubblici. La decisione presa ieri dalla Banca centrale europea è perciò un segno tutt’altro che incoraggiante. Era atteso un taglio dei tassi e parole nette su una nuova iniezione di liquidità monetaria a favore di famiglie e imprese. Il presidente Mario Draghi ha invece detto per la milionesima volta che queste condizioni si potranno avverare, ma non adesso. A pochi mesi dall’insediamento di Christine Lagarde all’Eurotower, un falco della Troika che ha spezzato le reni – quella sì – alla Grecia, non proprio il segno di quel cambiamento che aspettiamo.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della…

Continua

Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata…

Continua

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa…

Continua

L’autogol del Centrodestra su Conte e il caso Fiber

Se non imbrogliasse gli italiani con le bugie sull’aumento delle tasse, gli immigrati e il Governo che fa scappare dall’Ilva quei benefattori dell’ArcelorMittal, al Centrodestra resterebbe ben poco per tenersi stretto un consenso dopato da giornali e tv a reti unificate. Una prova l’abbiamo vista ieri, col tentativo di affibbiare al premier Giuseppe Conte un…

Continua

Non siamo una colonia di ArcelorMittal

La mossa della multinazionale indiana ArcelorMittal che minaccia di andarsene dall’Ilva non era affatto imprevista, e anzi era quasi scontata visto che parliamo di uno dei gruppi più rilevanti di un Paese che ci ha sequestrato per anni due nostri marò, e adesso pretende di gestire un’azienda altamente inquinante col salvacondotto dell’immunità penale, una sorta…

Continua

Un progetto di cambiamento per il Paese. Contro gli slogan sovranisti occorre convincere gli elettori che nel Centrodestra quando non si litiga non c’è nient’altro

Quanto resiste il governo, che fine fanno i Cinque Stelle. Giro l’Italia e le domande che mi fanno sono sempre queste, nella maggior parte dei casi con un tono che tradisce l’attesa di veder cadere tutto nel più breve tempo possibile. È il prezzo che si paga per aver dovuto mischiare l’acqua e l’olio formando…

Continua

L’umanità non si butta a mare. I diritti umanitari non sono un costo ma anche un dovere

Quando si parla di crescita del Paese il pensiero corre subito all’economia, e ancor di più in questi giorni in cui si sta definendo la Manovra finanziaria, alle tasse (che quest’anno sono molte meno rispetto ai tagli fiscali) e al lavoro. Tutto giusto, ma crescita è anche superare l’ipocrisia con cui da tre anni nascondiamo…

Continua