Una partita di potere per Renzi

di Gaetano Pedullà

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di andare a votare, e così taglierebbe lui stesso il ramo sul quale sta seduto, probabilmente restando fuori dal prossimo Parlamento. Un sacrificio in nome di cosa? Del ripristino della prescrizione con cui migliaia di imputati sono riusciti a farla franca dai processi?

Il tema, buttato in vacca accusando la riforma Bonafede di essere giustizialista (e chi se ne frega dell’impunità diventata sistema) un tempo era tra le promesse dell’ex premier fiorentino. E allora diciamo la verità: ma davvero un politico tanto esperto andrebbe all-in, cioè giocherebbe così il tutto per tutto, come un biscazziere qualunque? Evidentemente no, e perciò e probabile che dietro ci sia un piano. Anzi, in questo caso due. Il primo è portare al massimo della tensione l’Esecutivo per conservare quanto più potere è possibile con il prossimo giro di nomine pubbliche. Quasi tutti gli attuali manager e consiglieri delle grandi società partecipate dallo Stato sono farina del sacco renziano, e non avere quasi più voce in capitolo in queste scelte sgretola quel sistema che vediamo da anni alla Leopolda, la kermesse politica dove top manager e industriali chissà perché fanno la fila per andare e depositare ricche donazioni.

Ma di partita ce n’è anche un’altra. Se cadesse Conte, Renzi sa bene che neppure un gran numero di deputati e senatori vorrà andare a casa, e pertanto potrebbe improvvisarsi regista di una nuova maggioranza, magari con un nuovo premier non sgradito a Mattarella, com’è Franceschini. Conoscendo bene quanto giochi d’azzardo, il Quirinale ha già dato il due di picche a Matteo, ma a chi è tanto spregiudicato da mettere un Paese intero a rischio instabilità, o di consegnarlo alle Destre, neppure questo è bastato. Consoliamoci con la prospettiva che in caso di elezioni difficilmente sentiremo ancora parlare di Renzi, se non per i processi di quello che fu il suo giglio magico.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua

Tutti noi più generosi di Silvio

A caval donato non si guarda in bocca e quindi grazie alla famiglia Agnelli, a Silvio Berlusconi e a Giuseppe Caprotti, figlio del fondatore di Esselunga, per aver donato dieci milioni ciascuno e respiratori da destinare ai nostri ospedali. Certo, se consideriamo i patrimoni di questi signori è stato più generoso il Movimento 5 Stelle,…

Continua

Passerelle di moda nelle Destre. Zaia parla di coprifuoco mentre Salvini va a spasso per Roma

Niente da fare. Per il vaccino contro la scelleratezza di certi nostri politici e dei loro trombettieri non c’è speranza. Anche mentre il momento è drammatico, il conto delle vittime cresce, il Paese è asserragliato in casa e chi ha un lavoro trema quanto chi ha fatto una vita di sacrifici per costruirsi un’attività e…

Continua

In Europa ancora ambiguità. Ma i 5S hanno aperto una strada

Al terzo giorno l’Europa risuscitò. Il terzo giorno è quello dal decreto del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha messo in campo tutta l’Italia nella guerra contro la pandemia di Coronavirus. Una sfida senza precedenti, raccolta da grandissima parte del Paese, che con sporadiche eccezioni resta chiusa in casa, riducendo così drasticamente le opportunità…

Continua