Una partita di potere per Renzi

di Gaetano Pedullà

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di andare a votare, e così taglierebbe lui stesso il ramo sul quale sta seduto, probabilmente restando fuori dal prossimo Parlamento. Un sacrificio in nome di cosa? Del ripristino della prescrizione con cui migliaia di imputati sono riusciti a farla franca dai processi?

Il tema, buttato in vacca accusando la riforma Bonafede di essere giustizialista (e chi se ne frega dell’impunità diventata sistema) un tempo era tra le promesse dell’ex premier fiorentino. E allora diciamo la verità: ma davvero un politico tanto esperto andrebbe all-in, cioè giocherebbe così il tutto per tutto, come un biscazziere qualunque? Evidentemente no, e perciò e probabile che dietro ci sia un piano. Anzi, in questo caso due. Il primo è portare al massimo della tensione l’Esecutivo per conservare quanto più potere è possibile con il prossimo giro di nomine pubbliche. Quasi tutti gli attuali manager e consiglieri delle grandi società partecipate dallo Stato sono farina del sacco renziano, e non avere quasi più voce in capitolo in queste scelte sgretola quel sistema che vediamo da anni alla Leopolda, la kermesse politica dove top manager e industriali chissà perché fanno la fila per andare e depositare ricche donazioni.

Ma di partita ce n’è anche un’altra. Se cadesse Conte, Renzi sa bene che neppure un gran numero di deputati e senatori vorrà andare a casa, e pertanto potrebbe improvvisarsi regista di una nuova maggioranza, magari con un nuovo premier non sgradito a Mattarella, com’è Franceschini. Conoscendo bene quanto giochi d’azzardo, il Quirinale ha già dato il due di picche a Matteo, ma a chi è tanto spregiudicato da mettere un Paese intero a rischio instabilità, o di consegnarlo alle Destre, neppure questo è bastato. Consoliamoci con la prospettiva che in caso di elezioni difficilmente sentiremo ancora parlare di Renzi, se non per i processi di quello che fu il suo giglio magico.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Paese di allenatori e virologi

La paura è un sentimento che ha del buono, perché ci focalizza su un problema e spesso ci permette di venirne fuori con una forza che neppure sapevamo di possedere. Quando però diventa panico, ci porta a fare gravi errori, e talvolta a pagarli cari. Dunque sta a noi dare il giusto peso alle cose,…

Continua

L’Agcom si è accorta che la tv (e i giornali) hanno fritto il Movimento Cinque Stelle

Non ci voleva l’Agcom per scoprire l’acqua calda. Chiunque accenda anche di rado la tv, da anni vede un tiro al bersaglio a reti unificate contro i Cinque Stelle. Così si è distrutta l’immagine del Movimento, colpevole di aver fatto affidamento solo sui social e sulla rete, sottovalutando che il tamburo quotidiano sul piccolo schermo…

Continua

Autostrade, i Benetton hanno tirato troppo la corda

Si dice che il gioco è bello quando dura poco, mentre invece il giochino delle autostrade affidate ai privati per due soldi è stato bellissimo (per loro) ed è durato decenni. Adesso era ora che questo scandalo al sole finisse, anche perché se non sono sufficienti i 43 morti del ponte Morandi di Genova o…

Continua

La più forte a Roma è la Raggi

Partì per suonarla e tornò suonata. È andata così a la Repubblica, quotidiano non più ostile di tutti gli altri nei confronti della sindaca di Roma, che ieri ha pubblicato un sondaggio sul gradimento della Raggi. Il titolo non lascia spazio a fraintendimenti: “Comunali, il flop di sindaca e M5S. Meno di uno su due…

Continua

La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la…

Continua

Due Mattei col terrore di sparire

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi…

Continua

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Champagne a fiumi per i corrotti

Un passo avanti e due indietro. Se l’Italia sta messa come sta ci sarà qualche motivo, e il primo tra tutti è che siamo allergici alle riforme, soprattutto se toccano politici e colletti bianchi. A ricordarcelo, semmai ci illudessimo di voltare pagina, è stata ieri la Corte costituzionale, bocciando un principio di assoluto buonsenso: chi…

Continua

Sembravano sardine. Erano squali

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non…

Continua

La casta e il Diritto dei furbi

Quant’è inutile discutere di etica quando ai più interessa solo la cotica. Il caso del momento è l’indomita resistenza degli ex senatori per tenersi il vitalizio, un privilegio di cui hanno goduto per decenni malgrado anche loro sia la colpa delle difficili condizioni in cui versa il Paese. Il Diritto pronunciato con due D non…

Continua