Vespa non accetta la quarantena. Il giornalista è lo spot vivente dell’Italia che se ne frega

di Gaetano Pedullà

Semmai qualcuno se ne fosse dimenticato, abbiamo appena ricordato a tutto il mondo quanto noi italiani sappiamo essere furbastri e indisciplinati. Le immagini dell’assalto alla stazione di Milano giusto in tempo per aggirare il divieto di lasciare la regione, oppure l’accaparramento di viveri ai supermercati, i locali della movida pieni nell’ultimo weekend e un generalizzato menefreghismo di fronte alle regole imposte per circoscrivere l’epidemia di Coronavirus ne sono una prova inconfutabile. L’egoismo e l’allergia alle norme di questi nostri connazionali non sono però congeniti, ma si sono sviluppati in un habitat che da sempre premia chi frega il prossimo, si attribuisce dei privilegi e poi li difende perché una volta ottenuti sono sacri e inviolabili.

Un habitat in cui è nata ed è ingrassata la Casta dei politici, il circoletto dei grandi prenditori a cui è stato permesso per decenni di privatizzare i profitti e socializzare le perdite, una élite giornalistica e culturale impermeabile a tutto ciò che non nasce per grazia ricevuta ed è per questo servile e genuflesso. In questo contesto, se c’è uno stereotipo assoluto di tanta destrezza nello stare a galla, nessuno può battere Bruno Vespa, uno spot vivente a tutti i modelli di cui l’Italia ha bisogno di liberarsi per diventare migliore: la riverenza alla politica, la conservazione, l’attitudine ad aggirare le regole. Ma andiamo per ordine.

Ieri il conduttore di Porta a Porta ha protestato contro i vertici Rai, adombrando l’ipotesi di un complotto perché gli si toglieva qualche puntata proprio mentre era attesa come ospite la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Il programma di cui parliamo, così giusto per ricordare, va in onda dal 1996 e già solo per questo è emblematico di una televisione rimasta uguale a se stessa mentre cambiava il mondo, nasceva Internet e milioni di persone andavano a informarsi sui social network, deluse da certi teatrini della politica, alla bisogna farciti di nani, cuochi e ballerine.

PADRONE. In quel salotto è passata tutta le prima, la seconda e la non numerabile attuale Repubblica, selezionata sulla base del potere temporale o della garanzia di non disturbare il manovratore, hai visto mai che a qualcuno scappasse qualche domanda scomoda o si provasse a incalzare veramente il potente di turno. Proprio con chi conta, d’altra parte, Vespa ha sempre candidamente ammesso una subalternità naturale, tanto da definire la Democrazia cristiana il suo “editore di riferimento” all’epoca in cui dirigeva il Tg1. Avete capito bene: non gli ascoltatori, il pubblico o chi gli pagava e gli paga ancora lo stipendio col canone Tv, ma “l’editore” era il partito di maggioranza in Parlamento.

Con questo lasciapassare – che generazioni di giornalisti hanno tradotto col proverbio “attacca l’asino dove vuole il padrone” (e ci saranno dei motivi per cui la nostra stampa è in coda a molte classifiche mondiali, e chi fa inchieste sui Palazzi come La Notizia e pochi altri è considerato un fastidio) – Vespa è rimasto sempre in sella, ottenendo corsie preferenziali che nessun altro ha avuto mai dal Servizio pubblico, producendo il suo programma e insieme scrivendo libri per la Mondadori, in palese conflitto d’interessi perché società editrice controllata dalla famiglia Berlusconi, naturalmente ospite fisso di Porta a Porta insieme ad altri esponenti di Forza Italia.

La storia professionale del conduttore e i successi di share della trasmissione in fin dei conti giustificavano la permanenza in video, ma a parte che non sapremo mai che altro poteva nascere se si fosse dato spazio ad altri professionisti del Servizio pubblico (e ce ne sono tanti bravissimi lasciati a far poco e niente) col regno ininterrotto di Vespa si è dato un altro insegnamento negativo a quell’Italia dei furbetti di cui dicevamo all’inizio. Quando lo Stato in semi-bancarotta mise un tetto allo stipendio dei suoi dipendenti, anche nelle istituzioni, il conduttore di Porta a Porta scrisse al Consiglio di amministrazione di Viale Mazzini per informarlo che quel programma non era giornalistico, ma di intrattenimento (o infotainment) e quindi a chi lo presentava andava applicata la deroga sui compensi, allo stesso modo degli artisti che vanno a cantare a Sanremo.

Ora, di fronte alla consacrazione di scorciatoie di questo genere, ci possiamo incazz… perché mezza Italia se ne frega dei governi, delle regole e dei virus? Se mostriamo per anni una pubblicità dove chi la sa più lunga vince, e gli consentiamo di acquisire privilegi tali da potersi permettere di sindacare quello che decidono i vertici della tivvù, manco fosse lui il padrone, cosa c’è di male se milioni di italiani se ne fregano delle zone gialle o rosse? Per questo, anche se il danno è fatto, questa è l’occasione per fare finalmente uno spot sociale, di quelli che vanno in onda con la prudenziale avvertenza “pubblicità progresso”: applichiamo anche a Vespa la legge Fornero, e lasciamogli il tempo di vedere dalla poltrona di casa una televisione diversa, meno ossequiosa col potere ma che magari aiuti a fare emergere un Paese migliore.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua