Il Tribunale di Roma riconosce il diritto ad entrare in Italia a chi è stato respinto illegittimamente in Libia. La sentenza riguarda 14 eritrei bloccati a luglio dalla Marina

dalla Redazione
Cronaca
migranti

Il Tribunale civile di Roma ha riconosciuto il diritto ad entrare in Italia a chi è stato respinto illegittimamente in Libia. Il giudice, applicando l’articolo 10 della Costituzione italiana, a seguito di un’azione promossa da Amnesty International Italia con il supporto di Asgi e curata da un collegio di difensori, ha accertato il diritto di entrare sul territorio dello stato allo scopo di presentare domanda di riconoscimento della protezione internazionale per 14 cittadini eritrei respinti in Libia il 1° luglio 2009 dalla Marina militare italiana oltre al diritto a risarcimento dei danni subiti.

“Questa sentenza storica – afferma Amnesty – riguarda quanto avvenuto tra il 2009 e il 2010 quando, a seguito della conclusione dell’Accordo con la Libia, l’Italia ha effettuato numerosi respingimenti. Tale prassi era stata ritenuta illegittima già dalla Corte europea per i diritti umani con la sentenza Hirsi Jamaa e altri, ma, nonostante la condanna all’Italia, molti richiedenti asilo sono rimasti in attesa del giusto risarcimento e, soprattutto, senza la possibilità di accedere a una forma di protezione”.

“La sentenza – aggiungono ancora da Amnesty – è estremamente rilevante e innovativa laddove riconosce la necessità di ‘espandere il campo di applicazione della protezione internazionale volta a tutelare la posizione di chi, in conseguenza di un fatto illecito commesso dall’autorità italiana si trovi nell’impossibilità di presentare la domanda di protezione internazionale in quanto non presente nel territorio dello Stato, avendo le autorità dello stesso Stato inibito l’ingresso, all’esito di un respingimento collettivo, in violazione dei principi costituzionali e della Carta dei diritti dell’Unione europea”.

Loading...