La crisi si allunga. Per Salvini si mette male. Il Capitano scopre che il Senato non è il Papeete Beach

di Clemente Pistilli
Politica

Aprire una crisi di governo non è come farsi un selfie o lanciare due slogan in una diretta Facebook. Un concetto che non sembra molto chiaro a Matteo Salvini, che ieri ha incassato così la prima sconfitta. Il suo progetto di sfiduciare subito il premier Giuseppe Conte e andare altrettanto in fretta a nuove elezioni ha infatti subito una battuta d’arresto appena iniziato il primo dibattito in Parlamento, con la conferenza dei capigruppo del Senato che non ha trovato l’accordo sul calendario per avviare la discussione in Aula. A decidere saranno così direttamente i senatori, convocati per oggi pomeriggio.

LO STOP. L’obiettivo ieri dei capigruppo della Lega, di Fratelli d’Italia e di Forza Italia a Palazzo Madama era quello di far intervenire Conte al Senato il 14 agosto e sfiduciarlo. Tutti gli altri, dal Movimento 5 Stelle al Pd, hanno puntato invece sul 20 agosto come data in cui far intervenire il presidente del consiglio. La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che sembra in questi giorni particolarmente attenta a non scontentare la Lega, ha a quel punto deciso di far fissare il calendario direttamente all’Aula, come previsto dal regolamento. Un’iniziativa che ha fatto infuriare soprattutto Pd e Leu. “Una forzatura gravissima. I diktat della Lega non possono cambiare i numeri in Parlamento e l’aula lo dimostrerà”, ha dichiarato il renziano Andrea Marcucci. Oggi, alle 18, decideranno quindi i senatori e sembra quasi scontato che tutto slitti al 20 agosto e che la posizione leghista sia destinata a risultare minoritaria, potendo contare M5S, Partito democratico e gruppo misto su una maggioranza di 173 senatori.

LO SCENARIO. Per Salvini inizia a tirare una brutta aria e la fiducia che ieri sera si è affrettato a dire di avere nelle scelte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sembra più che altro un auspicio del Capitano. Anziché vedere Conte in aula costretto a incassare la sfiducia, il leader della Lega che sperava di scrollarsi in fretta di dosso il Movimento 5 Stelle rischia infatti di dover assistere alla lettura di una dura informativa da parte del premier, che a quel punto, senza essere sfiduciato, potrebbe uscire da Palazzo Madama, recarsi al Quirinale, rimettere il mandato e ricevere però dal Capo dello Stato un nuovo mandato esplorativo per sondare le possibilità di mettere in piedi una maggioranza alternativa a quella giallo-verde. Con una simile prospettiva Salvini potrebbe finire logorato e non ci sarebbe beach-tour in grado di risollevarlo.

LA RESISTENZA. A mostrare come il Capitano non sia poi più tanto sicuro della crisi da lui aperta è inoltre il particolare che non ha ancora ritirato i suoi ministri, come gli ha chiesto ieri di fare il vicepremier Luigi Di Maio. Tutti asserragliati nei dicasteri. A partire da lui che, viste anche le pesanti inchieste in corso, sembra deciso a tenersi stretto fino all’ultimo il Viminale. La strada è dunque lunga e tortuosa e nessuno sinora sembra avere la vittoria in tasca, neppure Salvini che dopo il Papeete voleva far ballare con i ritmi da lui imposti tutto il Paese incurante del Parlamento. Un particolare evidente nelle stesse parole del capogruppo leghista Massimiliano Romeo: “Sembriamo non avere i numeri”.