Salvini sale sul Tav e spinge il Governo verso la crisi. Di Maio avverte: Se ne assumerà la responsabilità

di Antonio Pitoni e Caris Vanghetti
Politica

La giornata più lunga del Governo gialloverde precipita a tarda sera. Quando Matteo Salvini, con l’assemblea dei parlamentari M5S ancora in corso, decide di forzare la mano spingendo la maggioranza verso il punto di non ritorno. “Nessuno della Lega firmerà per stoppare la Tav. Io vado fino in fondo, vediamo chi ha la testa più dura”, assesta il colpo (mortale?) davanti alle telecamere di Rete4. Una dichiarazione di guerra nei confronti dell’alleato con cui ha condiviso nove mesi di riforme e battaglie. “Abbiamo solo chiesto la sospensione dei bandi per un’opera vecchia di vent’anni, lo abbiamo chiesto perché previsto dal contratto siglato tra M5S e Lega – gli risponde Luigi Di Maio -.

E cosa fa Salvini? Oltre a forzare una violazione del contratto minaccia pure di far cadere il Governo? Se ne assuma le responsabilità di fronte a milioni di italiani”. Ai quali, avverte il leader dei Cinque Stelle, “dovrà spiegare il suo comportamento” che mette di fatto a rischio “due misure fondamentali come il Reddito di cittadinanza e quota 100” (il decreto è ancora in via di conversione) oltre che i risarcimenti “ai truffati dalle banche”.

E’ l’inizio della notte più lunga. Al termine di una giornata in cui, d’altra parte, Di Maio aveva già chiuso a qualunque soluzione diversa dallo stop all’“inutile e costosa” – analisi costi-benefici alla mano – Torino-Lione. “Non sono disposto a mettere in discussione il nostro No alla Tav”, aveva ribadito il concetto già espresso nella lettera inviata nel pomeriggio alle truppe parlamentari M5S. E subito rilanciato dal capogruppo al Senato, Stefano Patuanelli: “Se c’è la Tav non c’è Governo, se c’è Governo è perché non c’è Tav”. Una posizione che, in serata, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aveva di fatto sposato.

E dopo aver atteso che l’analisi costi-benefici sull’Alta velocità superasse lo “stress test” degli esperti, uno dopo l’altro, ha snocciolato tutti i suoi dubbi sul progetto. Una premessa che non può che rimandare ad un’unica conclusione: spingere il Tav verso l’ultima corsa sul binario morto. Presa di posizione, che trova subito la sponda di Di Maio. La prova, per Salvini, di un asse tra il leader M5S e Conte per bloccare l’opera. Inevitabile sbocco, d’altra parte, di quei “dubbi e perplessità” nei confronti di un progetto di cui, per il presidente del Consiglio, “il Paese non ha bisogno”.

Rilievi ancorati alla valutazione dell’analisi costi-benefici commissionata dal ministero delle Infrastrutture, definita dal premier un “punto di riferimento”. E mai osteggiata da Salvini. Salvo, ora, metterla in discussione e contestarne le conclusioni. Così le distanze già marcate tra M5S e Lega diventano, di colpo, un abisso che rischia di risucchiare l’intero di Governo insieme a quanto realizzato in questi nove mesi che hanno sconvolto lo scenario politico italiano, regalando a milioni di italiani la speranza di un cambiamento possibile. Una speranza che ora rischia di oscurarsi in un tunnel ai piedi delle Alpi. Riportando, in nome di un progresso che è tutto da verificare, l’Italia ad un passato che sembrava lontano anni luce. Ma ne vale davvero la pena?

Ecco cosa ne pensano i nostri lettori

Sul Tav non si transige. Salvini lo sa benissimo che se torna dal Caimano la gente si accorge che non vale un tubo.
Stefania Ercole
via Facebook

Di Maio non cambiare idea. Sul Tav cade il Governo? Siamo pronti a rivotarvi. Punto!
Nik Sga
via Facebook

Che rottura tutta questa discussione sul Tav tra Torino e Lione. Un’opera ideata ai tempi di Berlusconi premier
(chissà perché…) e contrastata in quegli anni dal Partito democratico, mentre ora Forza Italia e Pd la vogliono… Non vi sembra strano?
Vittoria Garcea
via Facebook

Hanno stancato con questa Tav… ma perché non l’hanno fatta i governi precedenti? Ora vogliono far cadere il Movimento Cinque Stelle! Io comunque li voterò sempre.
Luciana Campagna
via Facebook

Per non fare arrivare il via libera al Tav, con estremo dolore farei cadere anche il Governo che amo da morire. Ma No Tav!
Alina Ceccarelli
via Facebook

In primis vanno fatte le infrastrutture necessarie per salvaguardare l’ambiente e le persone. Ponti, ferrovie, strade, argini dei fiumi che fanno danni ingenti saranno spese enormi. E quindi No Tav, chiaro?
Maria Stievano
via Facebook

Impossibile! Il Tav è un’opera inutile. Meglio usare questi soldi per infrastrutture che servono a tutto il Paese.
Fabrizio Guarnotta
via Facebook

Sempre Cinque Stelle… ma comunque vada Salvini prima o poi ci fa lo sgambetto.
Emma Maryrl
via Facebook

Oramai è assodato che il treno merci ad alta velocità tra Torino e Lione è uno spreco di denaro pubblico pazzesco, come il Mose di Venezia. Quindi no TAV senza se e senza ma. Piuttosto cada pure il Governo. Vorrà dire che Salvini se ne assumerà le conseguenze!
Patricia Riccardi
via Facebook

Salvini deve ingoiare il rospo. La Tav non si fà altrinenti il mio M5S fa bene a far cadere questo Governo.
Giuseppe Chiassolini
via Facebook

Il Governo non cadrà affatto, né sul Tav né su altro, alla faccia di tutti i beoti che stanno facendo il tifo perché ciò accada!
Marina Di Marco
via Facebook

E facciamola questa Tav. Ma io la farei dicendo che ciò che ne deriva non è di responsabilità dei Cinque Stelle, e si è fatta perché l’hanno voluta Tizio e Caio, con tutto quello che poi secondo me ne deriverà.
Antonio Silvestri
via Facebook

Meglio che il Governo non salti , ma il messaggio deve essere chiaro #Notav! Solo i giornalisti sventolano sondaggi discutibili su questo argomento. Ma se vogliono la Tav per il progresso, visto che fanno tanto i patrioti, si facciano sovvenzionare dai loro ricchi editori e raccolgano i dieci miliardi necessari per fare il buco! Un tunnel che occuperebbe 400 operai per 10 anni. E chi dice che crea lavoro per 50mila persone, quando si scoprirà la bugia, paghi per dieci anni il Reddito di cittadinanza ai 49.600 lavoratori che non parteciperanno all’opera.
Larry Green
via Facebook

Se non si attaccavano alla Tav su cosa si potevano attaccare? E dire che il primo a non crederci è Renzi, secondo cui la Tav non solo non serviva, ma era anche un’opera inutile.
Pietro Cucciolillo
via Facebook

Io credo che il Treno merci ad alta velocità tra Torino e Lione sia semplicemente un mezzo per mettere il crisi il Governo gialloverde. Certo, il fine principale è quello di mangiarci sopra, ma un retropensiero sugli effetti “politici” delle decisioni che saranno prese è inevitabile.
Luigi Montemurro
via Facebook

Salvini è il cavallo di Troia della vecchia politica.
Claudio Salvati
via Facebook

La Tav è solo l’ennesima scusa per provare a far cadere il governo. A mio avviso le cose sono due: o Salvini è proprio uno sprovveduto oppure è d’accordo con il suo padrone!
Carlo Tattini
via Facebook

Cade il governo sulla Tav? Nuove elezioni? Bene, sappiamo chi rivotare. Io non mi sognerei minimamente di dare il mio consenso al menestrello di Santa Maria Novella, Miss Etruria, Lady risorse umane, Mrs calo demografico e l’oracolo di Arcore.
Geremia Trinchese
via Facebook

Se non se ne esce, o cade il Governo o meglio fare decidere ai cittadini con un referendum consultivo. Sono cose che arrivano dal passato e coinvolgono una grande opera. In svizzera è consuetudine sentire i cittadini, massima espressione di democrazia.
Luigi Maffia
via Facebook

No assolutamente, non facciamo cadere il Governo per il Tav e non facciamo il gioco di chi vuole questo. La vecchia politica marcia non vede l’ora che i Cinque Stelle cadano e si dividano, compreso Salvini. Vi parlo col cuore: ho due figli e tanta grinta, passione, amore e soprattutto sono uno a cui non piacciono le ingiustizie. Sono un guerriero a 5 Stelle.
Ciro Mosca
via Facebook

Questa storia del Tav sta venendo a noia. Con tutte le cose importanti che ci sono da fare in Italia ci siamo fossilizzati su questa opera, tanto per mettere il bastone tra le ruote al Movimento. Io penso che se non l’hanno fatta in oltre venti anni con governi di tutti i colori è strano che adesso sia diventata una tale la priorità.
Gina Franco
via Facebook

Il Governo non deraglia. E il Tav non si fa! Non c’è nessun tentennamento di Conte, sta solamente tenendo un po’ di gente in ansia.
Tonia Strippoli
via Facebook

Fare il tav non è nel contratto di Governo, (dove si parla di revisione e valutazione costi/benefici di tutte le opere pubbliche), quindi perché il Governo stesso dovrebbe cadere? Non è che ogni volta che i giornalastri gridano al lupo, bisogna scappare…
Giacomo Vianelli
via Facebook

La Tav si puo fare, ma solo se prima mettiamo a posto le nostre strade, i ponti, le linee ferroviarie che al Sud e anche in parti del Nord sono scadenti. A quel punto parliamo di Tav, ma con costi da dividere in parti uguali con la Francia, altrimenti questa infrastruttura resta per noi italiani un’opera inutile e troppo costosa.
Giovanni Formato
via Facebook

Sul Tav Salvini dovrebbe cedere come ha fatto il M5S con il Tap. Se no non ha senso davvero continuare.
Alberto Puliafito
via Facebook

No Tav, alta velocità in tutta italia.
Elisabetta Usai
via Facebook

Beppe Grillo è stato condannato per il Tav. A malincuore ma non transigo, se vogliono fare il tav può cadere pure il Governo.
Tiziana Pinton
via Facebook

Pure a Mussolini facevano vedere sempre gli stessi aerei ed era convinto di avere una flotta… così sono i sondaggi al 32% della Lega. Dovesse cadere il Governo se ne accorgeranno di quanto è davvero il loro gradimento…
Dino Rossi
via Facebook