Lo spauracchio dell’Iva. Salvini: “Mi rifiuto di aumentarla anche di un solo centesimo”. Ma Conte avverte: “Non è un’impresa facile”

dalla Redazione
Politica

“Mi rifiuto di aumentare l’Iva anche di un solo centesimo: prima va riformato il sistema fiscale: bisogna avere coraggio e io non mi rassegno”. E’ quanto ha detto il vicepremier e ministro degli Interni, Matteo Salvini, intervenendo all’assemblea di Rete Imprese Italia. Ha meno certezze, invece, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che, questa mattina, parlando di Iva, ha ribadito che “l’impegno ad evitare l’aumento per disinnescare le clausole di salvaguardia previste negli anni 2020 e 2021”. Ma il premier ha anche avvertito: “Non è un’impresa facile”. “Non sono qui a dire che sarà semplice – ha aggiunto Conte sempre dal palco di Rete Imprese Italia – ma a questo scopo stiamo studiando una profonda azione di spending review, che, da un lato, riordini la ‘giungla’ di tax expenditures che complicano la struttura del nostro sistema fiscale e, dall’altro, potenzi gli sforzi nella lotta all’evasione fiscale”.