Vacanze o fuga? Matrimoni ed eventi speciali sono la scusa perfetta per organizzare viaggi all’estero

dalla Redazione
Argomenti

Il bisogno di riposo, la necessità di prendere una pausa dallo stress quotidiano, l’interesse verso storia e cultura di altri paesi, la voglia di sperimentare altre gastronomie, di godersi spiagge paradisiache, divertirsi con gli amici o fare una fuga romantica con il partner sembrano ottimi motivi per organizzare una vacanza. Ma non è per tutti così: secondo un sondaggio del potente motore di ricerca per voli e alberghi www.jetcost.it, il 15% degli italiani utilizza la partenza e il viaggio verso una destinazione lontana come una scusa per evitare riunioni di famiglia, matrimoni o altri eventi a cui non vuole partecipare.

I dati sono emersi da una ricerca condotta dal team di Jetcost su circa 3.000 persone (500 per ogni nazionalità tra britannici, spagnoli, italiani, tedeschi, portoghesi e francesi), con più di 18 anni e con almeno un viaggio all’attivo negli ultimi due anni, sulle ragioni per cui gli europei fanno viaggi all’estero. Inizialmente, a tutti gli intervistati è stato chiesto perché avevano deciso di passare le loro vacanze all’estero e le risposte più comuni sono state: avevo voglia di scoprire paesi e città diverse (35%), desideravo una pausa lontano dal lavoro e dallo stress quotidiano (22%), volevo passare del tempo da solo con i miei cari a molti chilometri da casa (18%) e, sorprendentemente, il 15% degli italiani ha riconosciuto di aver prenotato un viaggio all’estero per fuggire da un’incombenza familiare o un altro appuntamento a cui non voleva proprio andare.

A chi ha dato questa risposta, è stato poi chiesto il motivo specifico per cui voleva evitare l’evento e le prime cinque risposte sono risultate:
1. Non posso permettermi o non voglio sostenere le spese per partecipare. 2. Questo tipo di eventi va sempre a finire male. 3. Non sopporto la maggior parte delle persone che saranno presenti. 4. Non mi piace o piacciono particolarmente il festeggiato o i festeggiati. 5. Non conosco la maggior parte degli invitati.

Secondo il sondaggio, più di un terzo (il 36%) di quelli che hanno deciso di andare in vacanza e di non partecipare a uno di questi eventi è finito a discutere con chi li ha organizzati, e nel 14% dei casi la lite ha raggiunto un livello tale da garantirgli di essere escluso dalle celebrazioni future.

Quando, infine, è stato chiesto agli intervistati perché non avessero detto semplicemente che non potevano partecipare invece che spendere soldi in una vacanza, la maggior parte (il 64%) ha risposto che il dire di aver già prenotato un viaggio all’estero sembrava una scusa migliore davanti a cui non potevano insistere.  Per quanto riguarda i risultati a livello europeo, gli italiani sono i secondi maggiori “evita matrimoni”, ricorrenze, occasioni speciali e riunioni di famiglia, dietro solo agli spagnoli.

1. Spagnoli 18%
2. Italiani 15%
3. Portoghesi 14%
4. Tedeschi 12%  5. Francesi 10%
6. Britannici 9%

Un portavoce di Jetcost ha dichiarato“E’ un po’ triste che molti italiani preferiscano andare in vacanza all’estero che celebrare quella che alcuni considerano un’’occasione speciale, ma è sicuramente meglio non obbligare nessuno, chi partecipa controvoglia a uno di questi eventi potrebbe rischiare di rovinare la festa anche a tutti gli altri”.