A Bologna fu una strage di Stato. Per i giudici non c’è il minimo dubbio sulle responsabilità di Cavallini

Gilberto Cavallini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quella di Bologna è stata una strage di Stato. Lo sostiene la Corte d’assise del capoluogo emiliano motivando la sentenza con cui un anno fa (leggi l’articolo) ha condannato all’ergastolo Gilberto Cavallini (nella foto), quarto componente dei Nar coinvolto nell’attentato. Per i giudici non c’è il minimo dubbio sulle responsabilità dell’imputato e a sconvolgere è solo il particolare che sarebbero già state evidenti 38 anni fa. Sono ben 2.118 le pagine di motivazioni della sentenza appena depositate e la strage viene definita di Stato battendo su “una miriade di dichiarazioni” che “depongono per una radicata compromissione fra terrorismo, P2, e Servizi segreti”. Criticata inoltre l’impostazione data dalla Procura nel processo all’ex Nar e denunciati una serie di reati commessi nel corso del dibattimento.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA