A caccia di voti. I manifesti di Berlusconi sono anche in tedesco e in ladino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Sono lontani i tempi in cui si polemizzava per l’uso della doppia lingua sui segnali stradali delle strade di confine. Le esigenze elettorali pretendono maggiore apertura mentale, e così anche i manifesti elettorali non sono più solo in italiano. Ad abbattere il tabù della lingua nazionale è stato Berlusconi, che da buon innovatore ha stampato e fatto affiggere manifesti elettorali in ladino e tedesco.