A caccia di voti. I manifesti di Berlusconi sono anche in tedesco e in ladino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Sono lontani i tempi in cui si polemizzava per l’uso della doppia lingua sui segnali stradali delle strade di confine. Le esigenze elettorali pretendono maggiore apertura mentale, e così anche i manifesti elettorali non sono più solo in italiano. Ad abbattere il tabù della lingua nazionale è stato Berlusconi, che da buon innovatore ha stampato e fatto affiggere manifesti elettorali in ladino e tedesco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA