A San Valentino niente baci. Dal peperoncino al pistacchio, scatta la caccia ai cibi dell’amore: i più coraggiosi? Puntano su aglio e cipolla

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Va bene la tenerezza, la poesia e il tipico cioccolatino. Ma a San Valentino è anche tempo di cibi afrodisiaci. Perché proprio a ridosso del 14 febbraio volano le vendite di alcuni alimenti, che hanno “le miracolose proprietà”.  La Coldiretti ha raccolto i dati, annotando un aumento del 141% degli acquisti di zenzero. Molto bene la curcuma che fa registrare un +93%. Ma non solo le spezie orientali sono afrodisiache. Il miele, il tartufo e il sedano stimolano il richiamo olfattivo per la riproduzione. Ma non solo. I più coraggiosi possono affidarsi ad aglio e cipolla, che però hanno la controindicazione di influire sugli “odori”.

“Dal più noto peperoncino al sedano, dallo zafferano al miele, ma anche il finocchietto selvatico e il pistacchio sono gli ingredienti della tradizione culinaria popolare che contribuiscono a rendere già stuzzicante la cena di San Valentino che resta un appuntamento irrinunciabile per molte coppie”, ha sottolineato la Coldiretti, spiegando la sua ricerca.

Ogni regione ha poi delle peculiarità: in Sicilia svetta il pistacchio di Bronte, in Puglia ci sono poi il cinipi, una verdura simile alla cima di rapa, con l’incrocio tra cicoria e asparago, e il verrùch, un’insalata verde amarognola più piccola di quella tradizionale. Mentre in Veneto ed Emilia-Romagna c’è il brodo di giuggiole da preparare con il frutto del giuggiolo, molto presente in quelle aree.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA