A Scuola di truffa. Asse tra Locri e Roma, 15 arresti: la ‘ndrangheta pilotava appalti di forniture per alcuni istituti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le mani della ‘ndrangheta sono finite anche sulla scuola. È quanto è stato scoperto nell’ambito di un’inchiesta sulla fornitura pubblica per alcuni istituti: così questa mattina tra Locri e Roma sono state arrestate 15 persone, alcune ritenute legate al clan Cordì di Crotone.

I carabinieri hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria, dietro richiesta di quella Direzione distrettuale antimafia. Le ipotesi di reato, contestate a vario titolo, sono: truffa aggravata, abuso d’ufficio e frode nelle pubbliche forniture, tutti aggravati dalle modalità mafiose. Nel corso dell’operazione sono stati inoltri posto sotto sequestro beni pari a 12 milioni di euro: i sigilli sono scattati anche per due scuole, l’istituto statale d’Arte “Panetta” e l’istituto professionale statale per l’Industria e l’Agricoltura. Secondo gli inquirenti la ‘ndrangheta aveva stabilito un contatto con alcuni funzionati di amministrazioni pubbliche, come il Comune di Locri e la Provincia di Reggio Calabria, per pilotare gli appalti di fornitura.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA