A Sorrento non son lento. Soltanto 50 secondi per rubare i motorini. Ma si fanno sorprendere dall’autovelox e il familiare li rimprovera pure

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Abilissimi a rubare uno scooter, appena 50 secondi per forzare bloccasterzo e accensione. Meno nel fuggire con discrezione, tanto da finire nelle “grinfie” dell’autovelox per la vettura usata dalla banda e beccarsi, come se non bastasse, il rimprovero telefonico di un familiare (cui apparteneva l’auto) per le due multe subite.

È quanto emerge dall’indagine dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Sorrento (Napoli) che hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura a carico di due giovani, di 20 e 19 anni.

Grazie alla telecamera di un sistema di videosorveglianza privato, che riprende le fasi del velocissimo furto di scooter (solo 50 secondi per forzare bloccasterzo e accensione), i militari sono riusciti a vedere il tipo di auto usata dalla banda. Procedendo con gli accertamenti, sotto il coordinamento della procura di Torre Annunziata, i militari hanno identificato i due presunti componenti del gruppo.