A volte ritornano. Dopo aver definito l’Italia un Paese razzista, Rula Jebreal ci ripensa e si candida alle europee col Partito democratico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Aveva promesso che non sarebbe più tornata in Italia. “Perché è un Paese razzista”, tuonò la giornalista di origini palestinesi, Rula Jebreal, già collaboratrice del programma Annozero di Michele Santoro. E invece, non solo è tornata ma si prepara pure a correre alle Europee sotto le insegne del Pd. Ricomparsa sul palco della Leopolda, il padrone di casa Matteo Renzi non si è fatto sfuggire la ghiotta occasione: “Visto che fra qualche mese si vota, cara Rula non finisce qua”. Un annuncio salutato da una pioggia commenti sui social, in maggior parte tutt’altro che lusinghieri. Una retromarcia che non stupisce visto che a candidarla è stato proprio Renzi che, come la Jebreal e la fedelissima Boschi, aveva promesso di lasciare la politica in caso di sconfitta al referendum.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA