Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria zone arancioni da domani. Speranza ha firmato l’ordinanza. La Campania per ora resta gialla

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, come era stato anticipato già ieri, sentiti i presidenti delle Regioni interessate, ha firmato l’ordinanza che individua le Regioni che in base all’analisi dei dati sulla diffusione del virus e agli scenari di rischio certificati nel report dell’Istituto superiore di sanità, passano dall’area gialla a quella arancione e rossa (rischio alto, livello 3 l’area arancione; rischio alto, livello 4 l’area rossa). Le misure previste nella nuova ordinanza entreranno in vigore da domani.

Nello specifico, entrano nell’area arancione: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria. Entra nell’area rossa la Provincia Autonoma di Bolzano. Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni nelle diverse aree è attualmente la seguente: area gialla: Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto. Area arancione: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria. Area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA