Accoglienza truffa. Arrestatato l’amministratore di una società a Potenza: intascava soldi pubblici con la scusa dei migranti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un uomo è stato arrestato a Potenza con l’accusa di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Il giro era stato messo in piedi per l’accoglienza dei migranti con un guadagno totale pari a 9 milioni di euro. Altre due persone sono state iscritte nel registro degli indagati, nell’ambito della stessa inchiesta condotta nel capoluogo lucano. Secondo gli inquirenti, dall’1 marzo fino al 31 dicembre la società si sarebbe appropriata in maniera indebita dei fondi previsti.

La Squadra mobile ha eseguito il provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari, emesso dal gip di Potenza. Nel corso dell’operazione sono stati posti in essere anche dei sequestri ai beni appartenenti alla società.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA