Addio all’ecomostro La battaglia vinta dai 5S sul litorale laziale. Il sindaco di Pomezia: impegno rispettato. Da settembre via alla demolizione

Addio all’ecomostro La battaglia vinta dai 5S sul litorale laziale. Il sindaco di Pomezia: dò il via alla demolizione

A Torvaianica, sul litorale laziale, da quindici anni campeggia, a pochi metri dalla spiaggia, un enorme complesso abbandonato e fatiscente, una gigantesca struttura in cemento armato – conosciuta come “Ex Biagio” – che, complice l’indifferenza delle amministrazioni che negli anni si sono succedute alla guida del Comune di Pomezia, è rimasto lì, a rappresentare un vero e proprio pugno in un occhio, un muro di calcestruzzo tra il mare e piazza Ungheria, il cuore della cittadina.

Addio all’ecomostro La battaglia vinta dai 5S sul litorale laziale. Il sindaco di Pomezia: impegno rispettato. Da settembre via alla demolizione

La battaglia

Sarebbe dovuto diventare un albergo con affaccio sul mare, ma a lavori quasi completati, si è fermato tutto e dell’hotel non è rimasto che lo scheletro, abbandonato poi all’incuria dopo un sequestro e successivi blocchi alle concessioni edilizie. Uno stallo ultradecennale, che per tanto tempo ha indignato i residenti e i turisti che si riversano ogni anno sul litorale laziale durante l’estate.

A cambiare le sorti di quel luogo, però, a ottobre 2021 è arrivato l’attuale sindaco di Pomezia, il pentastellato Adriano Zuccalà, che dopo un primo tentativo non andato a buon fine per problemi tecnici, è riuscito a far partecipare il Comune all’asta pubblica per la vendita dell’ecomostro, con una procedura tra l’altro raramente praticata dalle pubbliche amministrazioni. Pomezia si è così aggiudicata l’immobile grazie alla rimodulazione di un vecchio mutuo concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Ora, per settembre, è  finalmente previsto l’avvio dei lavori di abbattimento dell’edificio – che dureranno dai due ai tre mesi – e ai quali seguirà la riqualificazione dell’intera piazza. “Cancelliamo una triste pagina di abusi edilizi sul nostro litorale e restituiamo a cittadini e turisti la vista del mare dalla piazza principale di Torvaianica, dopo averne riqualificato il belvedere”, spiega a La Notizia il sindaco Zuccalà.

“Quello di dire addio all’ecomostro”, continua, “è uno dei primi impegni che abbiamo assunto con la città fin dal nostro insediamento e lo abbiamo rispettato. Un progetto in cui abbiamo fortemente creduto. Abbiamo infatti partecipato all’asta immobiliare, aggiudicandoci la struttura in cemento armato che nel mese di settembre abbatteremo. Un segno di legalità e di decoro per la città”.

All’esterno dello stabile, nell’area dove si trova la piscina dell’ex complesso alberghiero, c’è una colonia felina, che è al centro delle preoccupazioni di tanti cittadini che ora temono per gli animali, ma dal Comune assicurano che si sono mossi da tempo per contattare sia il responsabile della colonia che la Asl, e che verranno applicate tutte le soluzioni più opportune per evitare qualunque trauma e stress ai gatti presenti. Per quanto riguarda il percorso di riqualificazione, invece, l’intento del Comune è quello di coinvolgere la cittadinanza.

Partecipazione

“Il progetto della nuova piazza di Torvaianica”, spiega Zuccalà, “sarà infatti il frutto di un percorso partecipato: i cittadini sono invitati a condividere le loro idee, scrivendo alla mail lamiaproposta@comune.pomezia.rm.it, raccontando come vedrebbero la nuova piazza da realizzare al posto dell’ecomostro”.

Già sui social i commenti dei cittadini non lasciano dubbi. Quello che la maggior parte di loro sogna è qualcosa di “economico, semplice e bello”, come scrive un utente, “un luogo accogliente e tranquillo”: niente cemento, nessun edificio, vista aperta sul mare, un bel giardino con piante mediterranee, tanti alberi, dei gazebo, una zona gioco per i bambini, una palestra all’aperto, panchine dove sedersi al tramonto, fontane. Insomma, una cosa è chiara: niente più mostri di cemento che impediscano la vista del mare.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 10:07
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram