Aemilia, 140 i rinvii a giudizio nel processo contro la ‘ndrangheta in Emilia Romagna. Tra questi anche l’ex calciatore della Juventus Vincenzo Iaquinta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono oltre 140 i rinvii a giudizio disposti dal Gup Francesca Zavaglia nelnel processo di ‘Ndrangheta ‘Aemilia’. Il dispositivo è stato letto nell’aula speciale, allestita in Fiera a Bologna. La prima udienza è fissata per il 23 marzo 2016 a Reggio Emilia. Tra i 140 ci sono anche il campione del mondo di calcio nel 2006 Vincenzo Iaquinta e suo padre. L’ex attaccante della Juventus risponde della violazione di reati di armi, con l’aggravante di aver agito al fine di agevolare l’associazione di tipo mafioso. Al padre Giuseppe, imprenditore, è contestata la partecipazione nell’associazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA