Affittarsi una casa costa sempre di più

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaia Merguicci da Mioaffitto.it
Il 2013 è terminato con un rialzo dei prezzi di affitto pari al 4,8% (dicembre 2013) rispetto all’antecedente mese di novembre. Dall’European Outlook 2014 di Scenari Immobiliari, presentato a Milano, arrivano queste prospettive per il nuovo anno: «l’abolizione dell’Imu sulla prima casa potrebbe dare nuovo ossigeno al mercato di livello medio basso» – e ancora – “Il mercato della casa in Italia è ancora debole ma è il settore candidato a guidare la ripresa dell’immobiliare».

Prima di guardare all’anno appena iniziato e fare supposizioni magari azzardate, vogliamo presentarvi la situazione del 2013 e mostrarvi come i prezzi degli affitti siano cambiati, nel corso di quest’ultimo anno. Mioaffitto.it ha svolto un’indagine analizzando la situazione dei prezzi di affitto del 2013, in cui si vedono chiaramente le variazioni semestrali ed annuali. Anzitutto, bisogna specificare che la differenza più evidente si riscontra negli ultimi sei mesi.

Ad esempio, il Lazio risulta essere la regione più cara, con un prezzo medio di affitto al mese pari a 1276 euro, circa il 9,7% in più rispetto giugno, ma meno il 4% rispetto a dicembre 2012. Seconda in classifica è la Lombardia, dove un appartamento in affitto costa, circa 949 euro al mese, 8,3% in più rispetto a giugno e -0,2% rispetto a 12 mesi prima. Il Trentino-Alto Adige, la Puglia, le Marche, Abruzzo e Basilicata sono le regioni in cui è sta registrata una diminuzione minima del prezzo d’affitto negli ultimi sei mesi, come potete vedere nella tabella riportata qui sotto.

Caso eccezionale è il Molise, ultimo nella nostra classifica, in cui i prezzi sono notevolmente scesi (-9,3%) rispetto a giugno, e registrano un lievissimo incremento (0,8%) rispetto all’anno precedente.

Anche per quanto riguarda la situazione della province, nell’arco degli ultimi sei mesi i prezzi sono notevolmente lievitati. La più cara si riconferma essere quella di Milano, in cui mediamente un affitto costa 1812 euro al mese, ovvero +5,6% rispetto a giugno 2013 e con una variazione annuale solo dell’1%. La seconda provincia più cara d’Italia è quella di Roma, 1655 euro al mese, cifra aumentata negli ultimi sei mesi del 7%, e dell’ 0,5% rispetto all’anno scorso. La terza provincia è Firenze in cui il prezzo, rispetto a dicembre 2012 è aumentato del 10%, registrando quindi una media di 1185 euro al mese per un’abitazione in affitto.

Vivere a Napoli, di questi tempi, costa al mese 1031 euro al mese, circa 8% in più rispetto a giugno e +6,6% rispetto a dicembre 2012. Ragusa si riconferma essere la città italiana dagli affitti più economici. Un affitto nella cittadina siciliana infatti un appartamento in affitto costa in media 393 euro al mese, importo che non ha visto nell’ultimo anno un grande cambiamento (-0,6%).