Afghanistan, Di Maio: “Ineludibile un raccordo ancor più stretto con i nostri alleati. Serve una strategia comune a favore del popolo afghano”

Afghanistan Di Maio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La gravità della situazione in Afghanistan rende ineludibile un raccordo ancor più stretto con i nostri alleati, per definire una strategia comune a favore del popolo afghano e delle conquiste maturate finora”. È quanto ha detto al Meeting di Cl il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

“L’Italia – ha aggiunto Di Maio -, presente con il console e un nucleo di militari presso l’aeroporto di Kabul, continua a lavorare per portare in salvo i collaboratori e gli attivisti che vogliono lasciare il Paese. Abbiamo evacuato finora circa 1.600 civili afghani, nostri ex collaboratori e loro familiari. Il piano è di trasferirne in Italia circa 2.500”.

“La domanda di accoglienza di rifugiati e migranti di provenienza afghana – ha detto ancora Di Maio – è destinata ad aumentare. È necessario ed urgente mettere a punto insieme all’Unione Europea una risposta comune, in raccordo con i partner della regione. L’Italia si sta battendo affinché sia garantito alle organizzazioni internazionali pieno accesso umanitario al Paese”.

Il terrorismo “non deve tornare ad annidarsi in Afghanistan. Sarà fondamentale, in tal senso, che la comunità internazionale eserciti anche un’azione rafforzata di contrasto ai traffici di droga e per l’eliminazione della produzione di oppio in Afghanistan”. “Dovremo costruire alleanze e coinvolgere una pluralità di Paesi attorno a questi obiettivi comuni – ha aggiunto Di Maio -: specie quelli della regione, che condividono questa preoccupazione, oltre a Russia e Cina, attori imprescindibili in questo scenario”.

“L’Afghanistan – ha sottolineato ancora il ministro degli Esteri – negli ultimi venti anni ha rappresentato una delle principali sfide per il sistema multilaterale. Nonostante 20 anni di presenza e investimento nel Paese da parte di una vasta coalizione internazionale, dell’Onu, di NATO e Ue, il collasso repentino del governo afghano e delle sue istituzioni – collasso sfuggito alle capacità di previsione della comunità internazionale – ci pone di fronte ad uno scenario drammatico. Un dramma rispetto al quale dovremo interrogarci, per capire gli errori commessi dall’Occidente e dall’intera comunità internazionale”.

Leggi anche: I talebani annunciano reazioni se americani e inglesi non si ritireranno dall’Afghanistan entro il 31 agosto. Al G7 Johnson chiederà a Biden di prolungare la missione.