Afghanistan. Nove morti in un attentato kamikaze a Kabul durante la visita del segretario alla Difesa americano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un attentatore suicida si è fatto esplodere davanti al ministero della Difesa a Kabul, in Afghanistan, durante la visita in città del segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Chuck Hagel, e nove civili afghani sono morti. Lo riferisce il portavoce del ministero della Difesa afghano, il generale Mohammad Zahir Azimi. I talebani hanno rivendicato l’attacco, spiegando che è stato pensato come un messaggio per il capo del Pentagono.
Il kamikaze si è fatto esplodere poco prima delle 9 ora locale mentre era su una bicicletta a circa 30 metri dall’ingresso principale al ministero. Lo scoppio ha fatto tremare l’intera area. “Ho visto corpi di morti e feriti dappertutto, poi sono cominciate delle sparatorie e siamo scappati”, ha raccontato ad AP Television News un testimone oculare, Abdul Ghafoor. Il portavoce del Pentagono, George Little, ha spiegato che al momento dell’esplosione Hagel stava partecipando a un briefing in una struttura delle forze Nato in un’altra parte di Kabul e che la riunione è andata avanti senza interruzioni. Le strutture degli Stati Uniti che si trovano nel centro di Kabul sono state chiuse come misura di sicurezza precauzionale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA