Afghanistan, Roma è pronta a fare la sua parte. La Raggi scrive a Di Maio: “Siamo pronti a istituire immediatamente corridoi umanitari”

Afghanistan Raggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’amministrazione di Roma Capitale è pronta a sostenere gli eventuali sforzi volti a istituire immediatamente corridoi umanitari. In questa emergenza Roma Capitale può fare la propria parte”. È quanto scrive, in una lettera al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, la sindaca di Roma, Virginia Raggi in merito alla crisi umanitaria in corso in Afghanistan.

“Garantisco che sin da subito – scrive la Raggi – siamo pronti a mettere a disposizione le strutture comunali per contribuire alla accoglienza dei rifugiati, delle donne, degli studenti e delle studentesse, dei bambini e di chi è in procinto di essere rimpatriato. Roma è pronta altresì a impegnarsi nel sostenere la collaborazione di altri enti che operano nella Capitale. Guardiamo con interesse alle iniziative a favore delle donne afgane e a tutte quelle che puntano a istituire borse di studio, agevolazioni e posizioni di Visiting Professor”.

“Di fronte alla drammatica emergenza umanitaria in Afghanistan – aggiunge ancora la sindaca di Roma nella lettera inviata a Di Maio -, è necessaria un’azione congiunta di supporto e soccorso. Non possiamo rimanere indifferenti di fronte a quanto sta accadendo e, come lei stesso ha dichiarato, non dobbiamo lasciare solo il popolo afghano. È importante agire velocemente, dando protezione e aiuto a chi sta fuggendo dal regime talebano. E’ fondamentale che tutte le Istituzioni si uniscano a favore delle tante persone che in Afghanistan attendono un aiuto da parte del popolo italiano”.

“Mi rivolgo a lei – chiarisce Raggi – perché Roma è pronta a offrire il proprio contribuito nell’ambito di una strategia comune di cooperazione che coinvolga tutti i livelli della società. È fondamentale che tutto il Paese si mobiliti in questa direzione”.

Leggi anche: Stavolta Super Mario non basta. In Europa è già scontro sui profughi afghani. Draghi annuncia tutele per chi scappa da Kabul. Ma Austria e Germania se ne lavano le mani.