Ai partiti la bozza definitiva del Recovery plan. Le risorse previste salgono a 222 miliardi. Dopo il via libera di Palazzo Chigi il Piano andrà in Parlamento

Conte Gualtieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Salgono a 222 miliardi le risorse previste Recovery plan. Il documento finale sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza “costituisce una sintesi delle attività di rielaborazione della bozza ed è il risultato del lavoro svolto dal Governo nel confronto con le forze politiche di maggioranza, intensificato nelle ultime settimane”, con l’obiettivo di “favorire il raggiungimento dell’accordo politico”.

“Lo sforzo compiuto – si legge nel documento finale inviato dal Governo ai partiti – è di rendere più chiara la visione d’insieme della strategia di investimenti e riforme. La bozza sarà poi analizzata nel prossimo Consiglio dei Ministri e costituirà la base di discussione per il confronto con Parlamento, Istituzioni regionali e locali, forze economiche e sociali, Terzo Settore e reti di cittadinanza, ai fini dell’adozione definitiva. La presentazione del Piano necessiterà di una più precisa definizione delle riforme e delle strategie di settore connesse e di ulteriori passaggi politico-amministrativi che consentano di finalizzare le progettualità e le tempistiche previste, attraverso l’individuazione dei soggetti responsabili, delle attività da compiere e delle modalità operative di lavoro e di coordinamento delle amministrazioni e degli attori istituzionali coinvolti”.

Scendono a 69 miliardi di euro i fondi del Next Generation EU destinati alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica, circa 5 miliardi in meno rispetto al precedente stanziamento di 74 miliardi di euro riservato alla missione green del Recovery plan. Quattro le componenti: “agricoltura sostenibile ed economia circolare” (5,5 miliardi), “energia rinnovabile, idrogeno e mobilità sostenibile” (18,2 miliardi), “efficienza energetica e riqualificazione degli edifici” (30,7 miliardi) e “tutela del territorio e della risorsa idrica” (14,5 miliardi).

Le risorse destinate alla sanità salgono a 19,6 miliardi. “Ai fini della realizzazione delle priorità e delle missioni del Pnrr – si legge nel documento – va considerato l’insieme delle risorse attivabili per interventi coerenti e complementari a quelli previsti dal Piano. Oltre ai 196 mld tra grants e loans previsti per l’Italia dal RRF, che il Governo ha deciso di utilizzare integralmente, un ulteriore apporto finanziario è fornito, sempre nell’ambito di Next Generation EU (NGEU), dai 13 mld di React-EU e dal 1,2 mld del Just Transition Fund”. L’integrazione nel piano “di parte dei fondi europei e nazionali della coesione, per i quali è in fase di predisposizione la relativa programmazione per il ciclo 2021-2027, mira a rafforzare ulteriormente il perseguimento degli obiettivi di crescita inclusiva e di coesione sociale territoriale”.

Più che raddoppiati i fondi destinati al turismo. Nel Piano viene indicato uno stanziamento totale per la componente Turismo e cultura di 8 miliardi, più del doppio rispetto ai 3,5 miliardi della precedente bozza. Salgono a 32 miliardi le risorse stanziate per Infrastrutture e mobilità sostenibile. Nello specifico, si tratta di 28,3 miliardi per la prima componente, Alta velocità di rete e manutenzione stradale 4.0, e 3,7 miliardi per la seconda componente, Intermodalità e logistica integrata. Si tratta di una mole di risorse superiore rispetto ai 27,7 miliardi della bozza del piano di dicembre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA