Aleppo resta sotto le bombe. Nessuna evacuazione, i civili sempre più vittime: sono rimasti intrappolati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le speranze di una tregia sono già terminate. Ad Aleppo, città simbolo della guerra civile in Siria, i combattimenti sono già ripresi. Nelle scorse ore il governo di Bashar Assad aveva annunciato la rinconquista di tutta l’area urbana: un’evoluzione che avrebbe permesso l’evacuazione dei 40mila cittadini ancora presenti ad Aleppo, stremati da mesi di assedio e raid aerei indiscriminati condotti dal regime di Damasco, supportato dalle forze russe. Le truppe lealiste hanno ripreso gli attacchi nella parte orientale della città, che è ancora controllata dai ribelli.

Ma le immagini che arrivano sono terrificanti. Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon, ha denunciato “sparizioni forzate e video scioccanti di cadaveri in fiamme nelle strade”. Stando a quanto riferisce l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Al Hussein, i militari “entrano nelle abitazioni e uccidono chiunque si trovi all’interno, anche donne e bambini”. “Abbiamo ricevuto inquietanti rapporti di numerosi corpi che giacevano per le strade e in tutto, fino a ieri sera, abbiamo ricevuto segnalazioni di almeno 82 civili, tra cui 11 donne e 13 bambini, uccisi dalle forze pro-governative in quattro diversi quartieri”, ha aggiunto l’Unhcr. Insomma, il bilancio di mezzo milione di morti è destinato ad aumentare con l’avanzata dell’esercito siriano. Tanto da far passare in secondo piano la guerra all’Isis.