Alfano prova a inchiodare Renzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Renzi prova smarcarsi cercando di non restare strangolato nelle spire delle larghe intese, quelle – per intenderci – che ormai da due anni hanno ingessato la politica italiana incapace di fare le riforme. Proprio quelle riforme che sono il cavallo di battaglia (elettorale) del segretario Pd. E così Alfano prova a metterlo all’angolo, costringendolo a scendere in campo  a favore di letta ma dentro al suo governo. “Discutiamo, bene, di legge elettorale – ha detto Alfano – ma gli italiani non mangiano quella. Ora dobbiamo dedicarci al governo che non può subire un piccolo maquillage”, avverte Angelino Alfano che non molla la presa sul Pd e chiede a Matteo Renzi di mettere suoi uomini nel nuovo esecutivo.  Il leader Ncd, dallo studio di Porta a porta, pungola il segretario Pd e dice: ”Il governo deve essere nuovo e deve vedere protagonista Renzi”. Il che vuol dire, chiarisce, che ”o il Pd offre una leadership, quella di Letta, sostenuta da Renzi o non vale la pena di continuare ed è meglio andare al voto”. Alfano avverte che l’Ncd e’ ”indisponibile a sostenere il governo con minore affetto di quello dimostrato dal Pd” ma avanza una precisa richiesta al Nazareno: ”Ci vogliono ministri riconducibili a Renzi”, dice Alfano a Vespa che sintetizza la formula con la richiesta che il nuovo segretario Pd ”si sporchi le mani” con un coinvolgimento chiaramente diretto a lui nel nuovo esecutivo ipotizzato da Alfano. In tutto questo ragionamento c’è qualcosa che però non quadra: andare al voto – al di là delle dichiarazioni di facciata – è esattamente ciò che converrebbe a Renzi per monetizzare subito il consenso che ha, senza appunto “sporcarsi le mani”. Una minaccia, dunque, che sembra essere fatta senza alcun potenziale esplosivo. Oggi come oggi, a rimetterci dal voto sarebbe proprio Ncd.