Alfano scarica Forza Italia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Sul programma per il futuro ha parlato di un fisco meno cattivo, che insegua meno commercianti e piccola media impresa (basta con la sindrome da Tom e Jerry), ha immaginato una ripresa con meno burocrazia (chi ha un’idea deve trovare credito e partire, poi lo Stato se vorrà potrà controllare in ogni momento). Ma è sugli aspetti politici che il discorso di Alfano ha più peso nell’immediato, uno cchio a Renzi e l’antro a Berlusconi. “Renzi si guardi alla sua sinistra. I freni possono venire solo da li'” – ha detto il leader del nuovo centrodestra, Angelino Alfano, all’assemblea degli amministratori che hanno aderito alla nuova formazione politica -. “Da noi puo’ arrivare solo un’accelerazione delle riforme. Su fisco e burocrazia abbiamo le idee chiare”.

Poi le perole rivolte a Forza Italia: “Per la prima volta sabato scorso in Sardegna ho sentito Silvio Berlusconi irriconoscibile ai miei occhi, per la rabbia e il rancore che mai hanno caratterizzato il Silvio Berlusconi che abbiamo conosciuto. Per la prima volta ci siamo sentiti davvero distanti da Forza Italia, dal suo modo di concepire la politica e dalla violenza nel trattare chi vuole costruire il nuovo centrodestra. FI era al 38% ora al 22% a forza di trattare male” chi è impegnato su questo cammino, ha insistito il vicepremier”. Infine la replica al Cav che aveva definito Ncd utile idiota della sinistra: “In questi ultimi anni Silvio Berlusconi si è circondato di troppi inutili idioti”.