Altro che chiedere scusa. Dopo le offese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Altro che chiedere scusa per avergli dato del boia, Il Movimento 5 Stelle rincara la dose, e il giorno dopo delle offese pubbliche e dell’annuncio di richiesta di impeachment, fa partire un sondaggio on line contro il Quirinale. ”Secondo voi, qual è stato l’atto più grave compiuto dal Presidente Napolitano, quello che non si puo’ perdonare e per il quale vorreste che si dimettesse?”. E’ questa la domanda posta ai cittadini sul portale di deputati e senatori del MoVimento 5 Stelle. Si tratta di un sondaggio di opinione sul web a cui tutti possono accedere.

I ‘cinque stelle’ propongono quattro opzioni da votare: “Il suo governo delle larghe intese”; “La distruzione delle intercettazioni tra lui e Nicola Mancino nell’ambito della cosiddetta trattativa Stato-Mafia”; “Il suo silenzio nel 1997, da Ministro degli Interni, sul disastro criminale e ambientale della Terra dei Fuochi”; e per finire “La marcia forzata, condotta al ritmo dell’austerity, verso gli Stati Uniti d’Europa, nel nome della religione delle banche e della spoliazione dei diritti politici”.

Poi un articolo , firmato ‘M5S Senato: “Il presidente Napolitano – si legge – detto anche ‘il sovrano’ o ‘re Giorgio’, ormai da anni si comporta come se fosse il capo assoluto del Governo. In particolare, ha accettato il suo secondo mandato proprio a condizione di poter gestire col pugno di ferro i vertici delle istituzioni, Parlamento incluso”.