Altro che immunità. ArcelorMittal vuole tagliare 5 mila dipendenti. Conte scopre il giochino degli indiani: “L’Italia non si lascia prendere in giro”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sulla crisi di Taranto un appello corale alla responsabilità di tutte le forze politiche, a quelle di maggioranza come a quelle di opposizione. Ma soprattutto un richiamo al senso di responsabilità di ArcelorMittal. Il mittente è il premier Giuseppe Conte che parla alla fine di una lunga giornata dopo un vertice con l’azienda e un Consiglio dei ministri sul tema. Sull’ex Ilva “è scattato un allarme rosso, nessuna responsabilità sulla decisione dell’azienda può essere attribuita al governo. Siamo disponibili a tenere aperta una finestra negoziale 24 ore su 24”, dice Conte.

REPRIMENDA. Perché per “il governo rilanciare l’Ilva e Taranto è una priorità”. I legali di ArcelorMittal lo hanno scritto nell’atto di citazione depositato al Tribunale civile di Milano e il premier lo conferma: “Lo scudo penale non è la vera causa del disimpegno dell’azienda”. Al punto che il governo “per sgombrare il campo da qualsiasi pseudo-giustificazione ha dichiarato la propria disponibilità per quel che riguarda l’immunità”. E Conte qui stoppa le voci di divisioni all’interno della maggioranza sul ripristino della protezione legale: “Il governo marcerà compatto, ma io chiedo di più, che il Paese marci compatto”.

Ma la proposta dello scudo – dice il premier – è stata rifiutata dall’azienda. Il problema è industriale: “Mittal ritiene che gli attuali livelli di produzione non riescono a remunerare gli investimenti. E ci chiede 5.000 esuberi: per noi è un dramma sociale inaccettabile”. Oggi stesso verranno convocati i sindacati. Il premier alza la voce: “Qui non è una qualsiasi crisi aziendale, è una vertenza che prospetta un disimpegno da impegni contrattuali assunti da una gara, e questo è inaccettabile. Le criticità non giustificano” la scelta di ArcelorMittal. L’Italia “non si lascia prendere in giro”.

Il governo nel faccia a faccia con l’azienda schiera, oltre al premier, i ministri impegnati nella partita e che rappresentano tutte le anime della maggioranza: Stefano Patuanelli (Sviluppo economico) e Nunzia Catalfo (Lavoro) per il M5S, Roberto Gualtieri (Economia) e Giuseppe Provenzano (Sud) per il Pd, Roberto Speranza (Salute) per LeU, Teresa Bellanova (Agricoltura) per Italia viva e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Mario Turco.

BRACCIO DI FERRO. ArcelorMittal scende in campo con il patron Lakshmi Mittal e il figlio Aditya Mittal. L’azienda cala le sue carte e detta le sue condizioni per rimanere a Taranto. Sul tavolo non c’è solo il ripristino dello scudo penale. Lo stop all’altoforno 2 che si prevede per almeno un anno e il blocco che di conseguenza si applicherebbe ad altri forni gemelli minaccia l’attività. L’azienda vuole riscrivere il contratto abbassando i livelli produttivi e quelli occupazionali.

Prima del vertice il colosso franco-indiano ha comunicato formalmente ai sindacati e alle aziende collegate la riconsegna all’Amministrazione straordinaria degli stabilimenti e dei dipendenti (10.777 unità) ai sensi dell’articolo 47 della legge 428 del 1990. La decisione coinvolge gli stabilimenti di tutta Italia: Taranto, Genova, Novi Ligure, Milano, Racconigi, Paderno Dugnano, Legnano e Marghera. A Taranto la temperatura dei forni viene ridotta e la Fim-Cisl dichiara uno sciopero immediato di 24 ore a partire dalle 15 del pomeriggio.

APPELLO ALL’UNITA’. In serata si aggiungono anche le altre sigle sindacali. Fiom e Uilm annunciano uno sciopero per l’8 novembre. Ma la partita è del tutto aperta. “Abbiamo invitato ArcelorMittal a prendersi un paio di giorni e farci una proposta per assicurare continuità livelli occupazionali, produttivi e ambientali”, ha concluso Conte. Se ci fossero rigidità, aggiunge, valuteremo strade alternative . Il governo – è il suo ultimo appello – chiamerà “a raccolta l’intero Paese”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA