Amianto killer. Boeri attacca: “Per smaltirlo tutto occorrono almeno 85 anni”. E molte regioni fanno finta di niente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’accusa arriva direttamente da Tito Boeri, presidente dell’Inps, durante l’assemblea nazionale che si è tenuta questa mattina in Senato: “È un quarto di secolo che l’amianto è stato messo al bando l’amianto, ma siamo ancora lontani dalla soluzione del problema: ci sono 32 milioni di tonnellate ancora presenti sul territorio. Al ritmo attuale delle azioni di bonifica, noi riusciremo a liberarci del problema amianto di qui a 85 anni, un’infinità”. L’economista ha poi continuato: “Ci sono problemi di natura istituzionale e resistenze delle singole imprese in nome dei costi“, ha spiegato Boeri, evidenziando che ci sono stati “notevoli ritardi dovuti alle resistenze delle singole aziende per i costi, a problemi di natura istituzionale, con le Regioni che non hanno approvato i piani, e ad una complessità normativa che rende importante l’adozione di un testo unico”. Ma intanto, come evidenziato da LaNotizia in passato, il nostro Stato continua a importare amianto. Specie dall’India. Nonostante ci sia una legge che lo vieti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA