Amministratori sotto tiro. Quasi tre denunce al giorno. E non solo nel sud Italia. Ben 132 omicidi negli ultimi 40 anni. Il rapporto della Commissione denuncia il dilagare del fenomeno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Amministratori locali nel mirino della malavita. Un fenomeno dilagante basti pensare che vengono raccolte quasi tre denunce al giorno per atti intimidatori. Nel 2013 si sono contati 870 diversi episodi. Nei primi quattro mesi del 2014 gli amministratori locali finiti del mirino sono stati 395. In quarant’anni 132 omicidi. I dati sono stati forniti dalla Commissione d’inchiesta del Senato. Delle minacce raccolte risulta che il 35% arriva ai sindaci, il 17% agli assessori e il 17% ai consiglieri comunali. Non c’è solo il Mezzogiorno del Paese perché il fenomeno non è immune in regioni quali il Lazio, la Sardegna o anche l’Emilia Romagna. Solo il 13,7% dei casi sono chiaramente riconducibili al fenomeno mafioso. Insomma le intimidazioni arrivano anche da cittadini “normali”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA