Amici del Cav nei guai: Dell’Utri scappa in Libano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

L’ex senatore Marcello Dell’Utri è latitante in Libano. E’ ricercato dopo che la Corte d’appello di Palermo ha emesso a suo carico un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. In vista dell’udienza della Cassazione che potrebbe confermare la condanna per concorso in associazione mafiosa Dell’Utri ha lasciato l’Italia.

Secondo gli investigatori, che hanno cercato invano di eseguire la misura e da settimane monitorano le sue mosse, l’ex senatore avrebbe due passaporti diplomatici e dal Libano sarebbe pronto a spostarsi.

Il provvedimento è stato firmato martedì scorso, 8 aprile, dalla terza sezione della Corte d’appello di Palermo su richiesta della Procura generale di Palermo.

Nel pomeriggio, l’ex senatore si è fatto vivo con una nota, diffusa dal suo avvocato, Giuseppe Di Peri: “Tengo a precisare che non intendo sottrarmi al risultato processuale della prossima sentenza della Corte di Cassazione; e che trovandomi in condizioni di salute precaria – per cui tra l’altro ho subito qualche settimana fa un intervento di angioplastica – sto effettuando ulteriori esami e controlli”, ha detto l’ex senatore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA