Anche la moda parla cinese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

La Cina si prende tutto. Anche la moda con un +18% nel 2014. I cinesi hanno conquistato il primato per gli acquisti nelle vie della moda delle città italiane compensando il calo del 13% delle spese dei turisti russi che rimangono comunque al primo posto per lo shopping straniero nel nostro paese. In Italia gli acquisti sono sempre di meno, fatta eccezione per il Trentino con un +6%. I dati sono stati forniti dal Fashion & High Street Report di Federazione Moda Italia, secondo cui, in generale, il settore registra fatturati in moderato calo rispetto ai primi sei mesi del 2013 (-1%), crescono solo gli accessori moda che hanno avuto un incremento del 6,7% rispetto al I semestre 2013.

Crollano calzature, articoli sportivi e abbigliamento (-4,22%). Pellicce e pelletterie in una crisi irreversibile. Le spese degli italiani con le carte di credito, nell’anno in corso, per acquisti di prodotti di moda sono in calo del 3,4% rispetto all’anno scorso, pari ad una spesa di oltre 5 miliardi di euro. Tengono bene le High Street di Milano, Roma, Venezia e Firenze.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA