Anche Leu è a pezzi. Il nuovo Esecutivo Draghi ha sfasciato la sinistra. L’amarezza di Grasso: “Il partito non esiste nella realtà”

PIETRO GRASSO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Risollevatosi a fatica dalla pesante sconfitta del 2018, con il Governo Conte 2 il centrosinistra aveva ripreso smalto ed era risalito nei sondaggi. Dopo il sì alla maggioranza arcobaleno a sostegno di Mario Draghi, sembra però ora destinato a tornare indietro come in uno sfibrante gioco dell’oca. L’adesione sofferta e accettata solo da una parte del partito sembra stia infatti mandando in frantumi pure Leu.

“Per un anno ho cercato di trasformare Leu in un partito senza riuscirci – ha dichiarato il senatore Pietro Grasso (nella foto) – esiste in Parlamento, esiste al Governo, esiste nei sondaggi e nell’immaginario ma non nella realtà. Fratoianni, che ha un suo gruppo politico, ha ritenuto di mantenere quella che è una sua coerenza, io però sono contrario, c’è da tenere questo fronte”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA