Anche Leu è a pezzi. Il nuovo Esecutivo Draghi ha sfasciato la sinistra. L’amarezza di Grasso: “Il partito non esiste nella realtà”

PIETRO GRASSO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Risollevatosi a fatica dalla pesante sconfitta del 2018, con il Governo Conte 2 il centrosinistra aveva ripreso smalto ed era risalito nei sondaggi. Dopo il sì alla maggioranza arcobaleno a sostegno di Mario Draghi, sembra però ora destinato a tornare indietro come in uno sfibrante gioco dell’oca. L’adesione sofferta e accettata solo da una parte del partito sembra stia infatti mandando in frantumi pure Leu.

“Per un anno ho cercato di trasformare Leu in un partito senza riuscirci – ha dichiarato il senatore Pietro Grasso (nella foto) – esiste in Parlamento, esiste al Governo, esiste nei sondaggi e nell’immaginario ma non nella realtà. Fratoianni, che ha un suo gruppo politico, ha ritenuto di mantenere quella che è una sua coerenza, io però sono contrario, c’è da tenere questo fronte”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA