Andreotti, feretro in chiesa: partono applausi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il feretro di Giulio Andreotti è giunto davanti a San Giovanni Battista dei Fiorentini, dove lo ha accolto un applauso. Al suo ingresso nella chiesa gremita, lo ha salutato un forte applauso durato circa un minuto. Solo i corridoi laterali del fondo sono accesibili. Hanno inizio le esequie in forma privata.

A ESEQUIE POLITICI 1° E 2° REPUBBLICA- Ai funerali di Andreotti ci sono anche Pier Ferdinando Casini, Arnaldo Forlani, Gianni Letta, Gianni De Michelis, Ciriaco De Mita, Marco Follini, l’ex ministro Andrea Riccardi, Roberto Formigoni, Beppe Pisanu, Giulia Bongiorno, politico ed anche avvocato di Andreotti nei processi in cui è stato imputato, Emilio Colombo, Nicola Mancino. Tutti protagonisti della vita politica italiana della prima e della seconda Repubblica. Alle esequie dello statista,nella chiesa gremita, tra gli altri, presente anche Giuseppe Ciarrapico, storico esponente andreottiano.

LA FOLLA SOTTO CASA APPLAUDE E’ partito da casa il feretro dello statista portato a braccia verso la chiesa di San Giovanni Battista dei Fiorentini, seguito dal corteo dei familiari stretti. Una folla di cittadini comuni, assiepata dietro le transenne davanti all’abitazione di corso Vittorio Emanuele, dove era allestita la camera ardente del senatore a vita, applaude al suo ultimo passaggio.

LE CORONE FLOREALI – Le corone di fiori del presidente del Consiglio dei Ministri, del ministro dell’Interno e anche del presidente della Regione Lazio sono state deposte all’esterno di San Giovanni Battista dei Fiorentini, dove si celebreranno le esequie di Giulio Andreotti alle 17. I furgoni continuano a scaricare in via Acciaioli, la strada tangente a piazza dell’Oro dove si erge la chiesa, una grande quantità di omaggi floreali. Numerose le istituzioni che hanno inteso omaggiare il sette volte presidente del Consiglio, scomparso ieri tra le mura domestiche.

All’interno, però è presente una sola corona, posta accanto all’altare. Sono già stati occupati da gente comune i banconi. Una folla composta ha atteso circa un’ora l’apertura delle porte per prendere posto. Alcuni cordoli impediscono l’accesso alle prime file, di sicura pertinenza della famiglia. Tra le corone posate davanti alla facciata, ci sono quelle dell’Osservatorio permanente giovani editori e dell’azienda farmaceutica Bristol Myers Squibb, di cui è Ceo il figlio primogenito del senatore a vita, Lamberto.