Angelus per Emmanuel. Papa Francesco ricorda il nigeriano ucciso a Fermo con la parabola del buon Samaritano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il riferimento resta implicito ma chiarissimo. Bergoglio, nell’Angelus di domenica parla del tragico caso di Fermo e della morte di Emmanuel, il nigeriano ucciso (“quel migrante che volevano cacciare via”, dice il Papa), un esempio concreto di razzismo che allontana il prossimo.

“Chi è il mio prossimo? Chi devo amare come me stesso? I miei parenti, i miei amici, i miei connazionali, quelli della mia stessa religione?”, dice Papa Francesco, che non cita casi specifici ma si limita a enunciare la parabola del buon Samaritano.

“Non devo catalogare gli altri – ha detto Francesco – per decidere chi è il mio prossimo e chi non lo è. Dipende da me essere o non essere il prossimo delle persone che hanno bisogno del mio aiuto. Fatti prossimo del fratello e della sorella che vedi in difficoltà”.

E ancora: “Fare opere buone, non solo dire parole che vanno al vento. Il baricentro non siamo noi stessi, ma gli altri”. Il buon Samaritano è l’unico che “ebbe compassione dell’uomo a terra, gli si avvicinò, gli fasciò le ferite e si prese cura di lui”. Il buon Samaritano quindi è colui che “ha avuto compassione”.

“Fare opere buone, non solo dire parole che vanno al vento: mi viene in mente quella canzone ‘parole, parole, parole’…”, ha continuato. “Fare e mediante le opere buone, che compiamo con amore e con gioia verso il prossimo, la nostra fede germoglia e porta frutto. Domandiamoci: la nostra fede è feconda? Produce opere buone? Oppure è piuttosto sterile, e quindi più morta che viva? Mi faccio prossimo o semplicemente passo accanto? Selezione le persone a secondo del mio proprio piacere”.