Annuncio a sorpresa di Di Battista: il pentastellato vicino a Grillo non si ricandiderà alle politiche. Ma non c’è “nessun dissidio con Grillo e Di Maio” (VIDEO)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La decisione arriva, come di consueto per i Cinque stelle, tramite Facebook. Ma è una di quelle notizie che nessuno, prima di ieri, si sarebbe immaginato di sentire. Alessandro Di Battista ha infatti annunciato che non si ricandiderà alle prossime politiche.

“Non nego che la nascita di mio figlio è come se avesse dato ancora più benzina a una scelta che era già presa. Quando ti nasce un figlio inizi a pensare moltissimo al tuo futuro, alle tue reali aspirazioni, ai tuoi sogni. E tra i miei sogni c’è la scrittura: continuare a combattere dal punto di vista politico anche attraverso la controinformazione e la scrittura”, ha detto in video.

Il deputato pentastellato, vicinissimo al vertice del Movimento, si prende dunque una sorta di anno sabbatico dalla prossima estate per girare il mondo. Un annuncio che ha sorpreso la stampa e la base dei Cinque stelle.

“Tra qualche giorno – spiega – uscirà un libro che ho scritto sul Movimento, su questa scelta e sulla paternità”. “Voglio dedicarmi a mio figlio – ha aggiunto – e anche per questo ho preso questa decisione”. Ma nessun dissidio con Beppe Grillo o con Luigi Di Maio, ci tiene a precisare.

“Diranno che ci sono dei dissidi tra me e Beppe (Grillo, ndr) o tra me e Luigi (Di Maio, ndr): è l’esatto contrario. Per me Beppe è un esempio e Luigi è un esempio e anche un fratello. Sosterrò il movimento 5 stelle fino all’ultimo giorno di campagna elettorale, ma la farò da non candidato perché in questo momento ho altre aspirazioni, quelle di portare avanti la politica, l’attività per me più bella che esiste, al di fuori dei palazzi delle istituzioni. Proveranno a strumentalizzare le mie parole, a dire che ci sono divisioni: non ci sono divisioni nel movimento”.

Quella di non candidarsi alle prossime politiche è “una scelta umana e mia” e “una decisione che avevo già un po’ maturato”, sottolinea il parlamentare romano, che aggiunge: “Il Movimento ha cambiato la mia vita, mi ha fatto crescere come uomo. Mi ha permesso di lottare per le idee in cui credo”.