Antiterrorismo, dimenticate le intercettazioni. Incredibile lacuna nel decreto del Governo. Così aumenta il rischio di essere colpiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli attentati in mezza Europa e le minacce dei fondamentalisti islamici al Vaticano sono più di un campanello d’allarme per il nostro Paese. Eppure, al di là dei generici impegni ad alzare il livello di allerta (con i risultati che abbiamo visto al tribunale di Milano, dove è stato possibile entrare armati e fare una strage) l’unica risposta tangibile resta il decreto antiterrorismo. Decreto che adesso si scopre lacunoso perché mancante delle intercettazioni.

L’ALLARME
Una lacuna da riempire – ha affermato Ranieri Razzante, direttore dell’Osservatorio sul riciclaggio e sul finanziamento del terrorismo presso la FBV dell’Università Luiss di Roma.
I controlli informatici e telefonici sono l’unica maniera – ha ripreso Razzante, che insegna legislazione antiriciclaggio all’Università di Bologna – insieme a quelli patrimoniali per contrastare efficacemente il terrorismo. Tuttavia, si tratta di misure che, seppur dettate da una logica emergenziale, appaiono del tutto necessarie. Benissimo le operazioni sotto copertura e i colloqui in carcere, ma spero potranno essere condotti con maggiore agilità rispetto a quelli antimafia, continua Razzante che è anche Consulente della relativa Commissione Parlamentare. Condivisibile l’affidamento alla Procura Antimafia della competenza sul terrorismo e la previsione di misure detentive per i foreign fighters e i lupi solitari. Infine, non può non appoggiarsi la scelta di combattere il terrorismo anche su internet. È recente infatti la diffusione on line – dopo il manuale – dell’inno ufficiale dell’Isis, per di più sottotitolato in lingua italiana.