Apertura in affanno per la Borsa di Milano (-1,22%). Male Leonardo e Tim. Lo spread tra Btp e Bund torna sopra la soglia dei 300 punti base

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Apertura in affanno per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib, questa mattina, è il più pesante fra gli indici europei e a circa un’ora dall’apertura cede l’1,22%. Fra i titoli a maggior capitalizzazione spiccano i ribassi di Leonardo (-5,83%) e Tim (-4,09%). Male anche Banco Bpm (-3,2%) e Azimut (-4,2%). In rialzo invece dell’1% Italgas, Unipol e Snam. In positivo Luxottica e Snam (+1,46% in scia alla presentazione del nuovo piano industriale), Terna e Italgas. Fra i titoli a minor capitalizzazione cali di oltre il 4% per Carige e Cattolica. Scivolone per Tod’s, che perde oltre 6 punti percentuali, mentre corre Acea (+6%). Balzo di Garofalo Group (+8,5%) nel giorno del debutto. Torna a salire, sopra la soglia dei 300 punti base, a 301, anche lo spread tra il Btp e il Bund con il rendimento al 3,44%, ai massimi da metà ottobre.