Apertura in netto calo per la Borsa di Milano (-2,05%). Pesano le incertezze sui nuovi dazi Usa-Cina. Lo spread a 258 punti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Avvio di seduta e di settimana in netto calo per la Borsa di Milano. A Piazza Affari, dopo i primi scambi, l’indice Ftse Mib segna La Borsa di Milano apre in netto calo, in scia con l’Asia dopo le minacce degli Usa alla Cina sui dazi. Il primo indice Ftse Mib cede il 2,05% a 21,316 punti con lo spread fra Btp e Bund tedeschi a quota 258 punti. Anche le altre principali Borse europee aprono le contrattazioni all’insegna della debolezza, dopo le minacce del presidente Usa Donald Trump su nuovi dazi per l’import di beni made in Cina. A Piazza Affari i maggiori titoli tutti in negativo: Stm (-3,2%), Cnh (-3,1%), Fca e Brembo (-2,6%), Ferrari (-2,2%), Pirelli (-2,1%). soffrono anche i bancari con Banco Bpm (-2,5%), Mps e Unicredit (-2,3%), Bper (-1,9%). Male anche Saipem (-2,6%), Tenaris (-2,2%), Eni (-1,7%), Snam (-0,6%), Terna (-0,4%) e Tim (-0,5%). In Europa hanno aperto in rosso anche Francoforte (-1,94%), Parigi (-1,77%) e Madrid (-1,6%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA