Appalti sanitari ai clan, 11 arresti in Campania. Coinvolto un consigliere regionale Pdl e dirigenti della Asl

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrestato il consigliere regionale del Pdl Angelo Polverino nell’ambito di una inchiesta della Dda di Napoli sull’appalto per le pulizie nell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Sono in tutto 11 le persone arrestate. Coinvolti anche medici e funzionari della Asl. Si tratterebbe di un volume di affari per decine di milioni di euro e ele ditte coinvolte negli appalti sarebbero vicinissime ai clan dei Casalesi e a quello dei Belforte. Questi i reati contestati a vario titolo: concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso, abuso d’ufficio e turbata libertà degli incanti.

Nel mirino una serie di gare d’appalto per la gestione della pulizie nelle strutture sanitarie locali. Assegnate senza regolare gara d’appalto. Una in particolare ad un’azienda ritenuta vicina ai Belforte. Gestione poi prorogata arbitrariamente. Quando poi la stessa ditta è stata colpita da interdittiva antimafia, l’incarico è stato revocato e poi assegnato a una ditta riconducibile ai Casalesi.